Covid: in Valle d'Aosta disposta chiusura tre comuni

Tamponi a tutta popolazione Saint-Denis, Verrayes e Chambave

In ragione dell'incremento dei casi di contagio da Covid-19 e del numero di isolati, il Presidente della Regione Valle d'Aosta, Renzo Testolin, firmerà a breve un'ordinanza di chiusura dei Comuni di Verrayes, Saint-Denis e Chambave. La 'zona rossa' sarà adottata a seguito delle indicazioni sanitarie ed epidemiologiche che riportano un indice Rtal di sopra della soglia di allerta.
    "L'ordinanza di chiusura - si legge in una nota - consentirà di evitare un'ulteriore espansione del contagio e l'esecuzione di tamponi a tutta la popolazione, a eccezione dei bambini in età pediatrica, in modo da definire i livelli di contagio e le prossime azioni da intraprendere".L'ordinanza prevede "il divieto di allontanamento e di accesso alle aree interessate, con obbligo di permanenza nel proprio domicilio, consentendo il solo rientro per chi, al momento dell’entrata in vigore, dell’ordinanza si troverà fuori dai territori comunali". All’interno delle aree comunali "saranno sospese tutte le attività, a eccezione di quelle che erogano beni e servizi di prima necessità (alimentari, farmacie, rifornimento carburante, attività veterinarie e attività dei presidi socio-sanitari). Un solo componente per famiglia potrà recarsi negli esercizi autorizzati per effettuare la spesa o acquisire farmaci. Nel caso i componenti di una famiglia siano tutti impossibilitati a lasciare il domicilio, perché in isolamento, sarà attivato il sostegno dei volontari di protezione civile.
Le uscite dal proprio domicilio per gli acquisti essenziali vanno limitate a una sola volta al giorno e a un solo componente per nucleo familiare. La presenza di accompagnatori è consentita esclusivamente per motivi di salute, di lavoro o qualora sia necessaria in relazione alle condizioni di età o psicofisiche dei soggetti. E' obbligatorio indossare dispositivi di protezione delle vie respiratorie. È vietato praticare ogni attività motoria e sportiva all’aperto ma è consentita l’attività motoria (passeggiata) connessa a ragioni di salute, purché effettuata in prossimità della propria abitazione.
Le pratiche agricole e l’attività legata all’allevamento del bestiame saranno consentite, anche in caso di appezzamenti situati entro i confini comunali per persone residenti in altri Comuni, previa autorizzazione del Sindaco. Anche le imprese che operano nell’ambito di appalti pubblici potranno, previa autorizzazione, proseguire la loro attività.
È stata predisposta la chiusura della strada statale 26, tra il bivio di Nus e il bivio di Pontey. Come percorso alternativo è obbligatorio l’utilizzo dell’autostrada, per la quale è stata prevista la gratuità tra i caselli di Aosta e Châtillon e Nus e Châtillon. Saranno chiuse tutte le istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado presenti sul territorio dei tre Comuni e verrà attivata la didattica a distanza. 
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie