Droga acquistata su web e spedita a casa, due arresti

Compravendita sui social, ai domiciliari valdostano e toscano

Internet è la nuova frontiera delle piazze di spaccio. E' quanto emerge da un'operazione antidroga della squadra mobile della questura di Aosta, ribattezzata 'Drug delivery'. Lo stupefacente viene acquistato su web, attraverso i social come Wickr e Instagram, pagato con bonifico e dalla Spagna arriva direttamente a casa tramite corriere. Per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti sono state eseguite due misure di custodia cautelare agli arresti domiciliari nei confronti di Omar Atioui, di 22 anni, di Morgex e di Simone Nerucci, di 21 anni residente a Campagnatico (Grosseto).
    Altri quattro giovani sono stati indagati a piedi libero, tra di loro la compagna di Atioui e un diciassettenne, entrambi residenti ad Aosta oltre a un altro giovane valdostano. Il quarto indagato è residente nella provincia di Grosseto. Dalle indagini, iniziate a maggio, è emerso che Omar Atioui, tramite i canali social, acquistava la droga dalla Spagna e se la faceva spedire con il corriere a casa della compagna, a Charvensod. "Il minore - spiega il commissario capo Francesco Filograno, capo della squadra mobile di Aosta - era utilizzato per vendere la droga sulla piazza di Aosta, assieme a un altro giovane valdostano". Le indagini si sono svolte attraverso l'analisi dei tabulati e delle chat del telefono di Atioui, che era stato arrestato lo scorso maggio perché trovato in possesso di oltre 800 grammi di marijuana. Gli investigatori, però, non sono ancora riusciti a identificare il contatto da cui il ragazzo acquistava la droga. "I due arrestati non si conoscevano e non avevano rapporti - continua il commissario capo - siamo arrivati al giovane di Grosseto grazie a un bonifico a suo nome".
    Oltre alla droga, e a oltre 10 mila euro in contanti, i poliziotti hanno sequestrato anche numerose scatole di 'live butter', una cera derivata dalla cannabis che sciolta sulla sostanza stupefacente ne amplifica l'effetto. Durante la perquisizione dell'abitazione di Nerucci, in un casolare a sua disposizione nel comune di Campagnatico, i poliziotti hanno sequestrato una serra con oltre 80 piantine di marijuana.
    
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie