Fase 3: Grosjacques, mortificazione enti locali

"Undici milioni dati a iniziative senza ricadute su territorio"

"E' la mortificazione degli enti locali": Così Giulio Grosjacques, sindaco di Brusson e membro del cda del Celva, commenta la decisione assunta dai gruppi consiliari del Consiglio Valle di togliere 11 milioni di euro dalle risorse destinate agli enti locali nell'ambito del disegno di legge per l'assestamento al bilancio di previsione per il 2020, che contiene misure per contrastare gli effetti dell'emergenza sanitaria da Covid-19.
    "Manifestiamo profondo rammarico - ha proseguito - per questa scelta che non costituisce un torto ai sindaci o ai consigli comunali, ma ai cittadini. Ogni sindaco aveva già una lista di interventi da finanziare per rilanciare la piccola economia sul territorio. Invece quei fondi andranno a finanziare iniziative che avranno poca o nessuna ricaduta sul territorio". Dopo l'approvazione del ddl - annuncia Grosjacques - sarà convocata un'assemblea dei sindaci valdostani per decidere come agire.
    "Alla platea degli scontenti di questo provvedimento mancavano gli enti locali, ora ci sono anche loro" conclude Grosjacques. 

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie