Valle d'Aosta

Coronavirus: Truc, freddo può aver contribuito a diffusione

Fisico valdostano cita uno studio a cui ha partecipato

Il freddo può aver contribuito in maniera determinante alla diffusione del coronavirus. E' l'ipotesi riportata dal fisico Fabio Truc e contenuta in uno studio a cui il ricercatore valdostano ha partecipato. "La Valle d'Aosta - ha spiegato - è stata colpita quando le temperature erano basse. Altrimenti non vedo altre caratteristiche ambientali che giustifichino la diffusione del virus nella regione alpina, certamente non l'inquinamento. La densità di popolazione è un fattore importante, vedi la Lombardia, ma la Valle d'Aosta non ce l'ha elevata". Dallo studio, che ha raccolto dati sulle temperature, emerge che "sotto i 25 gradi il virus risulta indebolito".
    Per quanto riguarda la contaminazione da coronavirus in Valle d'Aosta "la grande massa di turisti a fine febbraio potrebbe aver creato le condizioni, la finestra temporale correla con la potenziale fonte di contagio portata dai villeggianti". 
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie