Coronavirus:Caritas, ai nostri servizi arrivano nuovi poveri

'Ad Aosta persone in cerca di un posto dove dormire'

   L'emergenza sanitaria del coronavirus sta creando nuovi poveri che necessitano di assistenza. E' quanto emerge in questi giorni dal monitoraggio che la Caritas diocesana di Aosta sta facendo sui propri servizi della mensa e del dormitorio, nel capoluogo regionale. "Stanno arrivando persone che non conoscevamo prima, alcuni ex dipendenti nel settore del turismo che sono rimasti a piedi, persone che prima galleggiavano e che da questa emergenza hanno preso un colpo", spiega il direttore Andrea Gatto.
    "L'attività della mensa è stata trasformata, ora diamo pasti da asporto, - aggiunge - stanno arrivando nuovi utenti, dipendenti di alberghi che si sono trovati senza risorse all'improvviso".
    L'orario di apertura del dormitorio è ora di 24 ore e anche il periodo massimo di permanenza è stato esteso: "Questo ha bloccato il turn over di nuovi inserimenti - prosegue Gatto - ma ci cono circa 10 persone in cerca di un posto dove dormire ".
    La Caritas ha anche attivato un numero verde (800 90 92 16) per raccogliere le richieste di aiuto. "Purtroppo il nostro non può essere un sostegno esaustivo, - racconta il direttore della Caritas - cerchiamo di dare risposte immediate per alimentare la speranza delle persone, in attesa di altri aiuti da parte dei comuni o della cassa integrazione". 
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie