Difesa agente, droga non per carcere

'Episodio legato a gravi difficoltà economiche'

(ANSA) - AOSTA, 6 NOV - "La droga non era destinata al carcere. Si tratta di un singolo episodio legato alle gravi difficoltà economiche in cui versa il mio assistito". Così l'avvocato Corrado Bellora, che difende l'assistente di polizia penitenziaria David Grosso, di 40 anni, di Aosta, arrestato con 60 grammi di cocaina in un'indagine scaturita su segnalazioni di traffici illeciti nella casa circondariale di Brissogne.
    Incensurato, Grosso è molto conosciuto nel mondo del calcio valdostano.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai al Canale: ANSA2030
Vai alla rubrica: Pianeta Camere



Modifica consenso Cookie