Umbria
  1. ANSA.it
  2. Umbria
  3. Spi-Cgil, no alla "chiusura" dell'ospedale di Assisi

Spi-Cgil, no alla "chiusura" dell'ospedale di Assisi

"Pensionati pronti alla mobilitazione"

(ANSA) - PERUGIA, 08 GEN - "La decisione di interrompere (per almeno un mese, si dice) l'attività chirurgica all'ospedale di Assisi è assurda, grave e inaccettabile". E' quanto affermano Mario Bravi, segretario generale Spi Cgil Perugia, e Maurizio Ceccarani, segretario Lega Spi Cgil Assisi-Bastia. "L'assenza di personale, che viene addotta come motivazione, non giustifica tale impostazione e semmai - osservano - conferma l'inadeguatezza delle politiche messe in atto dalla giunta regionale.
    La realtà amara è che nella nostra regione manca una politica sanitaria all'altezza della situazione e quando una politica c'è è tutta impostata sullo smantellamento del servizio sanitario pubblico e sulla privatizzazione, come dimostrano le linee guida del nuovo Piano sanitario regionale.
    Tale impostazione però si scarica sui cittadini (come dimostra anche l'annosa questione delle liste d'attesa), a partire dai pensionati e dagli anziani, che esprimono più bisogni e piu' fragilità".
    "L'ospedale di Assisi - sottolineano Bravi e Ceccarani - è strategico non solo per le 60 mila persone, che abitano nel territorio circostante, ma anche per quello che la città di S.
    Francesco esprime da un punto di vista turistico e non solo.
    Noi ci opponiamo alla scelta di chiudere l'ospedale di Assisi e lo Spi Cgil proporra' da subito, di costruire una immediata mobilitazione unitaria e popolare per tutelare un presidio così importante per la difesa della salute dei cittadini". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere


        Modifica consenso Cookie