Umbria

Staller, se qualcuno nato gay non va colpevolizzato

Cicciolina rilancia da Perugia sostegno a legge contro omofobia

(ANSA) - PERUGIA, 25 LUG - "Se qualcuno è nato gay o lesbica non va colpevolizzato. Se uno è nato maschio ma si sente femmina non capisco dove sia il problema": Ilona Staller ha rilanciato con forza il suo sostegno al ddl Zan. A Perugia, prima di giocare una insolita partita a scacchi dal titolo 'Scacco matto a Cicciolina', l'ex onorevole e icona senza tempo ha ribadito, rispondendo ad una domanda dell'ANSA, che lei è "assolutamente a favore".
    Nel 1987, eletta alla Camera dei deputati nelle file del Partito radicale, Staller fu la prima attrice pornografica al mondo ad entrare in un Parlamento nazionale. Interviene ormai poco su questioni italiane ma sul ddl Zan è tornata volentieri a parlare. "E' importante che finalmente ci siano delle leggi giuste - ha detto - che consentano di punire chi picchia lesbiche, omossessuali e transessuali per strada".
    Come ha ricordato ancora Cicciolina, "oggi hanno compagni e figli, che vengono cresciuti amorevolmente, anche personaggi famosi come Elton John e Ricky Martin". "Ci sono invece - ha poi aggiunto - bambini abbandonati senza amore e sostegno in orfanotrofi italiani. Quindi ben venga questa legge. Se qualcuno è nato gay o lesbica non va colpevolizzato. Se uno è nato maschio ma si sente femmina - ha concluso Cicciolina - non capisco dove sia il problema". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie