Valutazione interna ospedale Perugia dopo sposto paziente

Per "monitorare la corretta gestione delle complesse procedure"

(ANSA) - PERUGIA, 06 GIU - Le procedure di valutazione interna finalizzate a "monitorare la corretta gestione delle complesse procedure per questo tipo di attività sanitarie" sono state avviata dall'Azienda ospedaliera di Perugia in seguito alla denuncia di un paziente ai carabinieri del Nas per un presunto errore di somministrazione di un farmaco. Lo ha reso noto la Direzione della stessa struttura, sottolineando che è stata fornita la massima collaborazione agli organi giudiziari.
    "Obiettivi dell'Azienda - è detti in una sua nota - sono sempre la corretta gestione e la massima sicurezza del paziente.
    Per quanto riguarda l'evento accaduto è doveroso mantenere il riserbo delle indagini".
    Il paziente ha denunciato in particolare un presunto uso in modo ritenuto non corretto di un medicinale ipnotico, il Propofol, somministrato insieme al Midazolam, durante un esame endoscopico, formalizzando una querela per chiedere di individuare gli eventuali responsabili.
    Nell'esposto l'uomo ha sostenuto che durante l'esame è emersa una desaturazione "importante" in seguito alla quale è stato ricoverato in rianimazione. Ha ricordato poi l'insorgenza di una polmonite ab ingestis ritenuta collegata all'uso del Propofol in maniera considerata non corretta per la mancanza, tra l'altro, del consenso informato. (ANSA).
   

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video ANSA


    Vai al Canale: ANSA2030
    Vai alla rubrica: Pianeta Camere



    Modifica consenso Cookie