A Città Castello buoni spesa "tecnologici"

Importo comunicato su cellulare, basterà tessera sanitaria

(ANSA) - CITTA' DI CASTELLO (PERUGIA), 23 GEN - Buoni spesa "tecnologici" per i tifernati che hanno avuto una decurtazione del reddito a causa del Covid. Il Comune di Città di Castello spiega che dal 25 gennaio basterà la tessera sanitaria per acquistare beni di prima necessità nei negozi convenzionati.
    L'assessore alle Politiche sociali Luciana Bassini e quello all'Innovazione digitale Riccardo Carletti, parlando "di un sistema efficiente e rispettoso della privacy dei cittadini".
    "Efficiente perché - sostengono - i beneficiari dei fondi stanziati dal governo e redistribuiti dal comune tramite i buoni spesa riceveranno direttamente sul cellulare la comunicazione con l'importo a loro assegnato. Rispettosa della privacy perché nel punto vendita sarà sufficiente esibire la tessera sanitaria per poter utilizzare il contributo, senza buoni cartacei o altri tipi di certificazione. Grazie al lavoro congiunto di Servizi sociali e Sistemi informatici e telematici, non sarà necessario ritirare i buoni cartacei presso il Comune e la procedura sarà digitale: i cittadini che avranno diritto ai buoni spesa hanno a disposizione le somme dovute in un portafoglio virtuale (carta sanitaria o codice fiscale) che potranno spendere nei punti vendita aderenti". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie