Bacchetta, inizio scuola sia sereno

"Caloroso augurio" presidente Provincia Perugia

(ANSA) - PERUGIA, 11 SET - Sono stati in gran parte ultimati i lavori della Provincia di Perugia sugli edifici scolastici di propria competenza in vista della ripresa delle lezioni.
    Appuntamento in vista del quale il presidente Luciano Bacchetta, anche a nome del consigliere provinciale delegato all'edilizia scolastica Federico Masciolini, ha rivolto "un sentito e caloroso augurio a tutte le componenti del mondo della scuola di un avvio del nuovo anno scolastico all'insegna di un proficuo e sereno lavoro". "Fermo restando che la Provincia ha unicamente competenza sull'edilizia scolastica e non sugli arredi che sono appannaggio del Commissario straordinario per l'emergenza Covid 19 - aggiunge -, riaprire le scuole era urgente per restituire soprattutto ai nostri ragazzi quell'universo che non si limita alla didattica, ma è fatto di regole, socialità e crescita intellettuale e umana".
    "Il Coronavirus, purtroppo è ancora tra noi" sottolinea ancora Bacchetta. Che ha fatto appello "ai ragazzi perché rispettino con scrupolo le norme di sicurezza sanitaria indispensabili per non contagiare se stessi e quanti entreranno in contatto con loro". "Mi rivolgo - ha proseguito - ai capi d'istituto e i segretari con i quali la Provincia in questi mesi ha lavorato senza sosta per garantire il massimo del rispetto delle normative emanate dal Governo, perché continuino a vigilare e a profondere la loro professionalità e umanità nel delicato incarico reso incommensurabilmente più gravoso dalla pandemia. Agli insegnanti che ringrazio per l’impegno mai venuto meno anche nei momenti più bui ai quali spetta il compito di reinventare un modo di proporre la didattica e quella disciplina oggi più che mai necessaria per garantire la salute di tutti. Al personale Ata che avrà un ruolo determinante nel vigilare e segnalare anomalie affinché ciascuno coscientemente adempia a quanto previsto. Alle famiglie perché collaborino con le autorità scolastiche per garantire ai loro figli la massima tranquillità per proseguire il corso di studi senza ansie e timori. Un pensiero particolare va ai territori colpiti dal terremoto del 2016, ai sindaci, alle famiglie e a chi in quelle zone lavora. Più di tutti hanno pagato il prezzo della pandemia che è andata a sommarsi in maniera imprevista e devastante ai disagi già sofferti a causa del sisma. La Provincia di Perugia - conclude il presidente - è orgogliosa e consapevole della responsabilità di avere in carico la costruzione del nuovo polo scolastico di Norcia, finanziato con fondi ministeriali, che rappresenta il simbolo della vera rinascita della martoriata città di San Benedetto ". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie