Da Ast richiesta cassa integrazione

Interesserà oltre 2 mila 300 dipendenti, massimo due settimane

(ANSA) - TERNI, 19 MAR - Acciai Speciali Terni "vista l'impossibilità di garantire la normale operatività delle proprie attività, si trova nella necessità inderogabile di dover sospendere e o ridurre le attività produttive": a scriverlo è la stessa azienda, annunciando oggi a rsu e segreterie territoriali dei metalmeccanici la richiesta di cassa integrazione ordinaria per covid-19, ai sensi del decreto Cura Italia.
    L'azienda - nella comunicazione ai sindacati - sottolinea che "il generalizzato blocco della maggior parte delle attività produttive, manifatturiere, distributive e commerciali che hanno reso difficilissimo, per altro, anche il reperimento delle materie prime e dei semilavorati". La procedura varrà a decorrere da sabato scorso, per un massimo di due settimane, e potrà interessare fino a 2.305 dipendenti - di cui 1.683 operai, 497 impiegati e 125 quadri -, su un totale di 2.335.
    Le segreterie territoriali di Fim, Fiom, Uilm, Fismic, Ugl e Usb hanno chiesto l'esame congiunto della stessa procedura.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie