Fase 2: ristoranti e bar, "riapertura difficile per l'80%"

Indagine di Fiepet Confesercenti del Trentino

(ANSA) - TRENTO, 06 GIU - I pubblici esercizi del Trentino, a qualche settimana dalla ripartenza dopo l'emergenza coronavirus, nell'80% dei casi dichiarano di aver riaperto tra non poche difficoltà a causa del distanziamento interpersonale e le altre misure anti covid-19. Lo rende noto Fiepet Confesercenti del Trentino che ha condotto un'indagine su un campione di 320 imprese (principalmente micro) del mondo della ristorazione e bar.
    Complessivamente il 71,3% fa un bilancio negativo o molto negativo di queste prime settimane di apertura. Bene invece per quanto riguarda i clienti e il rispetto delle regole: l'igiene delle mani (saldo 70,3%), seguito dall'uso della mascherina (saldo 64,2%). Un po' meno attenzione al distanziamento sociale (62,2%).
    "Ciò che ci preoccupa maggiormente - commenta Massimiliano Peterlana, presidente di Fiepet Confesercenti del Trentino - sono i dati che interessano il mercato del lavoro. Le imprese, con i fatturati in calo e in forte contrazione, avranno difficoltà a garantire il rientro della forza lavoro dalla cassa integrazione . E' assolutamente necessario intervenire per tutelare le imprese e l'occupazione, rendendo immediatamente disponibili i ristori a fondo perduto, la liquidità agevolata e le risorse per la cassa integrazione". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Videonews Alto Adige-Südtirol

      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie