Trentino AA/S

In due a giudizio per formaggio contaminato

Altro fascicolo aperto per lesioni, bimbo in ospedale da 20 mesi

(ANSA) - TRENTO, 16 FEB - Il presidente e il casaro del caseificio di Coredo, in Trentino, sono stati citati in giudizio per produzione e commercializzazione di prodotti contaminati da cariche batteriche superiori ai limiti di legge. L'ipotesi, come riportano i quotidiani locali, è che non siano stati eseguiti i controlli come vorrebbe la legge.
    Questa inchiesta nasce però da un primo fascicolo della pm Maria Colpani, su cui la Procura di Trento è ancora alla ricerca di elementi, per lesioni gravissime. Un bambino di 6 anni è infatti in ospedale da venti mesi dopo avere mangiato del formaggio fatto con latte crudo nel giugno 2017, in Trentino, proprio di quel caseificio. Il bambino risulta avere contratto la Seu, sindrome emolitico-uremica, causata dal batterio escherichia coli, che può essere contenuto nel latte crudo. La diagnosi era stata fatta quello stesso giugno del 2017, dopo che il piccolo era stato trasferito dall'ospedale di Trento a quello di Padova. Qui si era inserito il fascicolo sulla contaminazione. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Videonews Alto Adige-Südtirol

Vai al Canale: ANSA2030
Vai alla rubrica: Pianeta Camere



Modifica consenso Cookie