/ricerca/ansait/search.shtml?tag=
Mostra meno

Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Doping: legale Wada, sentenza Bolzano di grande rilevanza

Doping: legale Wada, sentenza Bolzano di grande rilevanza

Avv. Consonni su condanna Ferrari e Taschler padre e figlio

BOLZANO, 04 aprile 2017, 12:18

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

La sentenza di condanna emessa dal tribunale di Bolzano contro Daniel e Gottlieb Taschler e il medico Michele Ferrari "è di grande rilevanza nella lotta internazionale al doping". Lo afferma l'avv.Marco Consonni, che ha assistito l'Agenzia mondiale antidoping (Wada), parte civile nel processo per violazione della normativa antidoping istruito nei confronti dell'ex ct dell'Italia ed ex vicepresidente della Federazione mondiale biathlon (Ibu), del figlio biatleta e del medico. "In tempi recenti -ricorda Consonni- la Wada ha deciso di partecipare come parte civile in Italia ad alcuni procedimenti penali relativi alla questione del doping. La scelta è stata fatta anche in relazione all'importanza dei casi e al profilo degli imputati. In precedenza, proprio tramite una collaborazione con la procura della Repubblica, la Usada, agenzia antidoping statunitense, aveva potuto accedere alle informazioni necessarie alla squalifica di Lance Armstrong, altro caso in cui lo studio aveva collaborato" ricorda Consonni.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza