• Ditte chiuse per emergenza Coronavirus, -800 mln valore aggiunto

Ditte chiuse per emergenza Coronavirus, -800 mln valore aggiunto

In Toscana a settimana in base a stime Irpet per Dpcm Covid-19

(ANSA) - FIRENZE, 24 MAR - Le imprese toscane che dovrebbero fermarsi in base alle disposizioni del Dpcm del 22 marzo sulla chiusura delle attività produttive non essenziali producono un valore aggiunto di oltre 800 milioni la settimana (circa il 7 per mille del Pil toscano). E' quanto afferma in una nota Stefano Casini Benvenuti, direttore dell'Irpet, spiegando che i settori più penalizzati, oltre a quelli dell'alloggio e ristorazione e degli altri servizi, sono l'estrattivo, il manifatturiero e le costruzioni.
    Con il provvedimento di chiusura, afferma il direttore dell'istituto di ricerca toscano, "sono coinvolti oltre 390mila lavoratori dipendenti ed altri 200mila lavoratori autonomi", che rappresentano circa il 38% del totale dell'occupazione toscana.
    Il Pil prodotto da tali settori rappresenta circa il 41% dell'intero Pil regionale". Infine "se i lavoratori delle imprese costrette alla chiusura fossero tutti messi in cassa integrazione", sostiene Casini Benvenuti, "il costo settimanale sarebbe di circa 140 milioni di euro".
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie