Percorso:ANSA > Terra&Gusto > Speciali > Salute: Protocollo Milano punta ridurre spreco cibo

Salute: Protocollo Milano punta ridurre spreco cibo

Gli esperti: il cibo sprecato a partire dai campi

15 ottobre, 16:16
Protocollo di Milano: workshop; alimentazione al centro del dibattito politico Protocollo di Milano: workshop; alimentazione al centro del dibattito politico

MILANO - Ogni anno nel mondo vengono sprecate 1,3 miliardi di tonnellate di cibo commestibile. Ciò significa che la comunità globale spreca 1/3 della produzione totale di alimenti, quattro volte la quantità necessaria a nutrire gli 868 milioni di persone malnutrite nel mondo. Individuare delle azioni per portare alla riduzione dello spreco di cibo é uno degli obiettivi che si propone il Protocollo di Milano, che vuole ridurre del 50 per cento entro il 2020 la quantità di cibo sprecato.

"Attraverso la riduzione dello speco del cibo è possibile sfamare tutte le persone che sono sul pianeta ed è molto importante agire in sinergia, per questo il Protocollo rappresenta uno strumento fondamentale per realizzare azioni concrete - ha spiegato la fondatrice di 'Stop spild as Mad', Selina Juul, a margine dell'incontro a Milano per perfezionare la bozza definitiva del documento - credo che in questo ambito l'educazione sia importante soprattutto per le giovani generazioni che devono essere responsabilizzate perché sono i consumatori di domani".

Oggi un terzo dei raccolti è impiegato per produrre mangimi e biocarburanti. La domanda globale di biocarburanti arriverà a 172 miliardi di litri nel 2020, richiedendo la conversione di altri 40 milioni di ettari di terreni alla coltura per carburanti, aggravando la carenza mondiale di cibo.

"Il cibo viene sprecato a partire proprio dai campi - ha spiegato Elisa Bianco dell'associazione 'Compassione in world farming' - non solo quando arriva al consumatore finale, si calcola che circa 1/3 del cibo che viene sprecato nel mondo parte proprio dal campo".

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati