Percorso:ANSA > Terra&Gusto > Vino > Premio Masi: 5 talenti diversi testimoni di vita e impegno

Premio Masi: 5 talenti diversi testimoni di vita e impegno

Gallmann, ricostruire legame ombelicale tra uomo e ambiente

03 ottobre, 16:27
Premio Masi: i cinque talenti premiati: Kuki Gallmann, Institute of Masters of Wine, Andrea Battistoni, Giovanni Radossi, e Gian Antonio Stella Premio Masi: i cinque talenti premiati: Kuki Gallmann, Institute of Masters of Wine, Andrea Battistoni, Giovanni Radossi, e Gian Antonio Stella

VENEZIA - Quattro talenti veneti con altrettante storie che parlano del loro lavoro, di esperienze vissute ma soprattutto dell'Italia, e un Istituto simbolo mondiale del vino che con il Premio Masi 'Civilta' del vinò hanno trovato un 'filo' comune. Così Kuki Gallmann, la scrittrice di origini trevigiane che da 40 anni vive in Kenia parla della sua Africa. "Abbiamo bisogno di ricostruire il legame ombelicale tra uomo e ambiente, - ha detto - in Africa c'é ancora, ma lo stanno tagliando troppo in fretta".

"Viviamo come con una carta di credito dell'ambiente - ha aggiunto - stiamo usando risorse che si consumano sempre più" Del suo rapporto con la musica ha parlato, invece, Andrea Battistoni che gha sottolineato come "il problema dell'educazione musicale in Italia non lo vivo sulla mia pelle, ma su quella di colleghi che faticano ad entrare nel mondo della musica". "In questo paese - ha spiegato - si considera ignorante chi non sa chi è Michelangelo o Leonardo, ma non conoscere Mascagni o addirittura Verdi è trascurabile".

Da parte di Giovanni Radossi presidente del Centro di ricerche storiche di Rovigno è venuto invece un appello. "Gli italiani rimasti in Croazia - ha detto - chiedono il sostegno della nazione madre. Non siamo stati noi ad abbandonare l'Italia, è l'Italia che ci ha abbandonati". Giannantonio Stella è stato invece sarcastico sulle spese della politica "in Italia la democrazia costa 26 euro a cittadino, in Francia 13, il parlamento americano costa 5 euro a cittadino - ha ricordato -. Ma in Italia c'é il doppia della democrazia francese o cinque volte di più che negli Stati Uniti?" ha chiesto ironico alla platea. Da Sheriff Lyne, presidente uscente dell'Institute of Masters of Wine è arrivato invece un annuncio: "nel 2014 il Simposio dei Masters of Wine si terrà per la prima volta in Italia, a Firenze".

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati