Calcio Foto › Giornate Squadre Mondogol
20 aprile, 21:27 Foto

Ottavo scudetto Juve: CR7 da pallone d'Oro, Chiellini super

Mandzukic certezza, Kean baby boom. Delude solo Douglas Costa

Le pagelle dell'ottavo scudetto bianconero.

 

Szczesny 8 (24 presenze-14 gol subiti): ha raccolto senza timori l'eredità di Buffon. Il rigore parato a Higuain la prima firma importante. Stagione nel complesso da numero 1, in tutti i sensi. Perin 6.5 (9-6): sapeva che soffiare il posto a Szczesny non sarebbe stato facile, ha dovuto accontentarsi di essere il secondo. Operato alla spalla, ha chiuso l'annata con 40 giorni di anticipo.

 

 

Cancelo 7.5 (21-1) qualche imperfezione in fase difensiva a inizio stagione, ha carburato in fretta. Spesso un'arma in più.

 

Bonucci 7.5 (25-3): ritorno non facile dopo l'anno al Milan, con la tifoseria divisa, alla fine è riuscito a convincere quasi tutti.

 

Chiellini 9 (21-1): una roccia, capitano e leader, a 35 anni è stata una delle sue stagioni migliori. Sempre con il passo giusto a guidare la difesa.

 

Barzagli 7 (6 presenze): gli acciacchi l'hanno tormentato, non ha alzato bandiera bianca.

 

Rugani 7 (14-2 gol): nelle gerarchie non aveva guadagnato un granché e forse per Allegri non era ancora una prima scelta fino alla notte di Amsterdam.

 

Alex Sandro 7.5 (28-1): annata a fasi alterne, ma il posto sulla fascia sinistra resta suo.

 

De Sciglio 6.5 (19): strada sempre in salita per guadagnare il posto, non è riuscito a spiccare il salto.

 

Spinazzola 7 (7): partito con l'handicap dell'infortunio che l'ha tenuto a lungo fuori, si è confermato acquisto azzeccato.

 

Caceres 6.5 (11 presenze in A, 7 con la Juve): cavallo di ritorno a gennaio, si è adeguato al ruolo di rincalzo, senza sfigurare.

 

Benatia 6 (5): l'addio a dicembre, per avere un posto da titolare. Un divorzio annunciato.

 

Pjanic 8 (27-2): consolidato nel ruolo di regista basso, ha giocato un'altra ottima stagione. Detta i tempi del gioco bianconero.

 

 

Emre Can 7.5 (25-4): centrocampista o difensore, Allegri ha sfruttato la sua duttilità, un muro spesso insuperabile.

 

Bentancur 7 (29-2): ancora un po' discontinuo, ma più solido. Una pedina spesso fondamentale.

 

Khedira 7 (10-2): l'intervento per l'aritmia l'ha costretto a ripartire quasi a fine stagione. Si è rivisto contro il Milan.

 

Matuidi 8 (27-3): sostanza e spessore a centrocampo, Allegri l'ha risparmiato solo quando lo ha visto molto affaticato. Sempre ad alto livello.

 

Cuadrado 6.5 (13-1): troppo a lungo costretto a rimanere fuori per infortunio, Allegri ha perso un'arma tattica importante.

 

Bernardeschi 7.5 (25-2): avvio con qualche difficoltà poi è diventato quasi insostituibile.

 

Douglas Costa 6.5 (17-1): infortuni e la squalifica di 4 turni per lo sputo a Di Francesco lo hanno lungamente limitato. Solo 7 gare da titolare.

 

Dybala 7.5 (27-5): Allegri lo vuole 'tuttocampista'; con CR7 al posto di Higuain è forse quello che ha dovuto cambiare di più.

 

Mandzukic 8.5 (24-8): girone di andata ad altissimo livello, tanti gol e assist, un vincente in tutte le zone del campo. Alla distanza è venuta fuori un po' di usura, ma non si risparmia mai.

 

Ronaldo 9 (27-19): la Juve l'ha preso per vincere la Champions, ma il primo scudetto italiano non poteva sfuggirgli. Squadra e tifosi gli perdonano qualche giocata un po' egoistica. Un leader che non si è appannato anche se in Coppa non ha potuto fare i 'miracoli'.

 

Kean 8 (9-6): al rientro dopo il prestito al Chievo, è esploso nel finale di stagione, segnando anche tanti gol.

 

Nicolussi sv (2 presenze): l'esordio in A contro l'Udinese.

 

Kastanos, Gozzi e Mavididi (1 presenza): per tutti e tre debutto a Ferrara contro la Spal

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Modifica consenso Cookie