Foto

  1. ANSA.it
  2. Foto
  3. Spettacolo
  4. Sanremo: famiglia Tenco a Mogol, non divulghi notizie errate
29 ottobre, 14:38 Spettacolo

Sanremo: famiglia Tenco a Mogol, non divulghi notizie errate

© ANSA
 © ANSA

(ANSA) - GENOVA, 29 OTT - La famiglia Tenco scrive a Mogol invitandolo "a non divulgare notizie errate e fuorvianti che riguardano la vita di Luigi Tenco" ricordando di avergli già scritto nel 2016 per "correggere le sue affermazioni fantasiose". Il riferimento è ad alcune frasi dette dal celebre autore ritirando il premio Tenco a Sanremo in cui ha raccontato di aver tentato di convincerlo a non partecipare al Festival.
    Non manca però una polemica sul fatto che Mogol sia stato premiato con un attacco al direttivo del Club Tenco ("da noi eredi di Luigi Tenco disconosciuto già da due anni", scrivono): hanno "avuto il barbaro coraggio di 'ripescare' anche la sua figura riportando alla memoria quel discutibile 'ripescaggio' della commissione artistica del Festival di Sanremo del 1967 che, per l'appunto, "ripescò" la Sua canzone sopra citata per portarla alla finale di quella gara canora". "Se Lei fosse stato realmente amico di Luigi, o se avesse anche soltanto ascoltato le parole di Paoli, non avrebbe raccontato tali fantasie ma avrebbe saputo che Luigi era l'esatto contrario del ragazzo triste e solo che Lei dipinge!", affermano tra l'altro gli eredi rivolgendosi al presidente Siae Giulio Rapetti, in arte Mogol.
    "Contrariamente alle Sue dichiarazioni, relative al fatto che Lei cercò di convincere Luigi a non andare al Festival di Sanremo, dobbiamo invece ricordarle che fu proprio Lei una delle prime persone che già negli anni precedenti gli aveva scritto per tentare di convincerlo a prenderne parte. A meno che, stando ad altre sue dichiarazioni secondo le quali lei non avrebbe aderito alla manifestazione sanremese proprio per convincere Luigi a non andarci, in realtà lei intendesse dire che non gradiva che Luigi Tenco partecipasse a quel Festival del 1967 con la canzone "Ciao amore, ciao" poiché Lei gareggiava con altre canzoni tra cui "La rivoluzione" (citata nel biglietto di denuncia scritto da Luigi pochi minuti prima di perdere la vita) e sul cui retro del disco 45 giri vi era incisa la canzone intitolata "Ciao ragazza ciao". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Tutte le foto

Modifica consenso Cookie