Brasile: crollo diga Brumadinho, risarciti anche i defunti

Sentenza senza precedenti di un giudice del tribunale del lavoro

(ANSA) - SAN PAOLO, 11 GIU - Il colosso minerario Vale è stato condannato a pagare un milione di reais di danni morali per ogni suo dipendente deceduto nel crollo della diga di Brumadinho, avvenuto nel gennaio 2019 nella miniera di Corrego do Feijao, nello Stato brasiliano di Minas Gerais. Gli importi dovranno essere destinati alle proprie vittime e ai loro eredi.
    La decisione è stata presa nell'ambito di un'azione civile pubblica intentata a gennaio dal sindacato Metabase Brumadinho.
    Si tratta di una sentenza senza precedenti nelle cause riguardanti la tragedia. Finora la giustizia, in diversi altri processi, aveva stipulato valori per riparare i danni morali causati ai soli parenti del defunto.
    In 49 pagine, la giudice Viviane Celia Correa, del Tribunale regionale del lavoro, ha riconosciuto che anche le stesse vittime hanno subito danni morali che devono essere risarciti.
    (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie