Casarosa, il mio omaggio agli amici d'infanzia e alla Liguria

Su Disney+ da 18/6 Luca del regista italiano candidato Oscar

(ANSA) - ROMA, 06 GIU - Un film "sulle amicizie che ci cambiano" e una lettera d'amore "alle estati della nostra giovinezza". Così il regista genovese Enrico Casarosa, candidato all'Oscar per il corto animato nel 2012 con La luna, racconta il suo primo lungometraggio firmato sempre per Pixar/Disney, Luca, animation comedy fantasy di formazione in arrivo in esclusiva dal 18 giugno su Disney+. Casarosa, classe 1971, torna ai luoghi della sua crescita in Liguria e in particolare le Cinque terre, ma in un'epoca diversa, individuabile tra fine anni '50 e inizio anni '60. Un'Italia piena di sole, speranze, voglia di libertà (simboleggiata nel film dal desiderio dei protagonisti di lanciarsi nel mondo a cavallo di una Vespa).
    "Ero un bambino timido molto protetto dalla mia famiglia - spiega il cineasta nella conferenza stampa internazionale in streaming - e quando ho incontrato il mio migliore amico a 11 anni il mio mondo si è aperto. In quelle estati cresci e trovi te stesso". Quelle amicizie "ci aiutano a trovare noi stessi e a capire chi vogliamo essere". Sono stati fondamentali anche "quei luoghi costieri, tra il mare e la montagna, con cittadine arroccate e molte scogliere che hanno per me anche un valore metaforico, rappresentano il coraggio di 'rischiare". Al centro del racconto c'è il tredicenne Luca Paguro, creatura marina (gli uomini li chiamano mostri) verde/viola che vive con la famiglia in fondo al mare. Il prudente Luca ha in realtà un'incontenibile curiosità per il mondo fuori dall'acqua.
    Il coraggio di esplorarlo però lo trova solo grazie all'incontro con il coetaneo Alberto Scorfano, spingendosi fino al contatto con gli umani nel borgo immaginario di Portorosso, dove incontrano la brillante e determinata Giulia. Il film ha fra i doppiatori originali Jacob Tremblay, Maya Rudolph, Jim Gaffigan, Sacha Baron Cohen e italiani che recitano anche nella versione inglese come Saverio Raimondo, Giacomo Gianniotti, Marco Barricelli, Marina Massironi. Nella versione italiana ci sono anche le voci, tra gli altri, di Luca Argentero (per il padre di Luca) e i cameo di Fabio Fazio, Orietta Berti e Luciana Littizzetto, ma anche di Alberto, il vero amico d'infanzia del regista. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie