Ultima Ora

Spagna: 31 anni a uno degli autori di uno stupro di gruppo

Altri due uomini condannati a 13 anni e mezzo per complicità

(ANSA) - MADRID, 16 APR - Un tribunale spagnolo ha condannato a 31 di carcere uno degli autori di uno stupro di gruppo ai danni di una ragazza di 18 anni. I fatti risalgono al 2019 e avvennero a Sabadell, vicino a Barcellona. La decisione, riportata dai media iberici, chiude un caso con ampia ripercussione mediatica.
    Altri due processati sono stati condannati a 13 anni e mezzo ciascuno in qualità di complici dell'aggressione sessuale, mentre un quarto è stato assolto per assenza di prove.
    Nella sentenza, i giudici dell'Audiencia di Barcellona responsabili del caso considerano totalmente credibile la versione della vittima. La giovane fu abbordata da uno sconosciuto fuori da una discoteca, portata con la forza in un capannone abbandonato e lì stuprata a turno da tre persone. Uno degli aggressori non è stato identificato, mentre un secondo è latitante. Il terzo è l'uomo condannato a 31 anni.
    Il caso ha assunto particolare rilevanza pubblica specialmente dopo che, nel corso del processo, il pm ha sottoposto la vittima a un dettagliato interrogatorio che diversi media spagnoli — che hanno ribattezzato gli accusati come "il branco di Sabadell" — e alcuni colleghi hanno definito "freddo", "ispido" o "poco empatico", benché lo abbia utilizzato per sostenere la richiesta di pene esemplari.
    Un aspetto che ha riportato al centro del dibattito il problema di come evitare che le vittime di stupri si sentano costrette a rivivere le violenze subite attraverso la narrazione dei fatti. L'avvocato difensore della giovane dichiarò che, nei panni del pm, le avrebbe rivolto le stesse domande. I giudici hanno impiegato appena 10 giorni per redigere la sentenza.
    (ANSA).
   

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video ANSA




    Modifica consenso Cookie