Marianne Faithfull, dopo il Covid rischio di non cantare più

La cantante si confessa al Guardian dopo aver sconfitto il virus

La cantante britannica Marianne Faithfull, che ha sofferto di una forma grave di coronavirus nell'aprile 2020, ha detto al quotidiano The Guardian che potrebbe non essere mai più in grado di cantare di nuovo a causa dei postumi della malattia. L'icona rock degli anni Sessanta, ora 74enne, aveva trascorso più di tre settimane in ospedale, dopo aver contratto una forma grave di covid-19, che aveva sollevato timori per la sua vita.

"Tutto quello che so è che ero in un posto molto buio - probabilmente è stata la morte", ha detto in un'intervista condotta prima dell'uscita del suo ultimo album alla fine di aprile She Walks in Beauty , registrato in gran parte prima di contrarre il virus.

Nonostante sia ormai fuori pericolo, Marianne spiega che "i suoi polmoni continuano a non andare bene" e che deve assumere regolarmente ossigeno, questo le fa temere di non poter più cantare. "Un dottore è venuto a trovarmi e mi ha detto che non pensava che i miei polmoni si sarebbero mai ripresi", ha spiegato colei che ha incarnato il rock n'roll dalle scene punk di New York e Swinging London. "Potrei non essere mai più in grado di cantare di nuovo", "forse è finita", ha aggiunto Marianne Faithfull, "Sarei incredibilmente sconvolta se fosse così". Marianne Faithfull conserva tuttavia la speranza e aspetta che un "miracolo" le restituisca la voce.

La cantante ha anche confidato che il Covid-19 l'ha lasciata con una stanchezza intensa e una "incredibile" perdita di memoria a breve termine. "Ricordo molto bene il lontano passato. Queste sono le cose recenti che non ricordo", ha spiegato. "Non puoi sapere quanto sia terribile".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie