Legale Fontana, atto di dubbia costituzionalità

Pensa, 'non è indagato e non gli è stato sequestrato nulla'

(ANSA) - MILANO, 23 SET - "Il presidente Fontana non è indagato, ha subito una perquisizione presso terzi. Non gli è stato sequestrato nulla, è stata effettuata copia del contenuto del cellulare". E' quanto ha dichiarato l'avvocato Iacopo Pensa, legale del governatore lombardo in merito all'operazione della Gdf nell'ambito dell'indagine con al centro l'accordo tra Diasorin e il Policlinico San Matteo per lo sviluppo dei test.
    "E' grave, però, - ha proseguito l'avvocato - che la perquisizione sia avvenuta con modalità non pertinenti alle finalità dell'operazione, con un decreto non circostanziato ma applicabile a chiunque e con evidenti criticità di carattere costituzionale, vista la ovvia presenza di conversazioni di carattere istituzionale nel cellulare del presidente Fontana".
    Secondo il legale di Fontana, "sarebbe stato sufficiente un invito a fornire i dati telefonici per raggiungere il medesimo risultato investigativo". "Valuteremo - ha concluso Pensa - l'opportunità di impugnare il provvedimento per una verifica giurisdizionale sulla correttezza formale e sostanziale dell'atto disposto". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie