Ok del Cdm al decreto Semplificazioni

D'è l'elenco sblocca opere, ma non nel dl

(ANSA) - ROMA, 7 LUG - Dopo una discussione di sei ore in Consiglio dei ministri, arriva "salvo intese" il via libera al decreto Semplificazioni. Non bastano settimane di trattativa: fino all'ultimo tengono banco le divergenze sulle deroghe alle norme sugli appalti e anche sulle opere pubbliche da affidare a commissari, nonché sull'abuso d'ufficio, su cui Iv esprime la sua riserva, e su norme come quella dell'interoperabilità dei dati. I grandi nodi alla fine, assicurano più fonti di governo lasciando Palazzo Chigi, vengono sciolti: il "salvo intese" riguarda pochi aspetti "tecnici, non politici". Ma la discussione sulle opere da sbloccare sembra destinata a tenere ancora banco, anche perché l'elenco non entra nel testo del decreto e ci sarà comunque tempo fino a fine anno per nominare i commissari. Il Cdm notturno dà il via libera al Programma nazionale di riforma, con le direttrici che il governo seguirà nei prossimi mesi, e anche al ddl di assestamento di bilancio e al rendiconto dello Stato.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie