Ue condanna Polonia, Ungheria, Rep.ceca

Rifiuto meccanismo di ricollocamenti profughi va contro diritto

(ANSA) - BRUXELLES, 2 APR - Rifiutando di conformarsi al meccanismo temporaneo di ricollocazione di richiedenti asilo creato nel 2015, la Polonia, l'Ungheria e la Repubblica ceca sono venute meno agli obblighi definiti dal diritto dell'Unione.
    Lo ha stabilito la Corte di giustizia Ue che ha accolto i ricorsi per inadempimento presentati dalla Commissione Ue contro i 3 Stati membri. Da un lato, la Corte ha riscontrato l'esistenza di un inadempimento da parte dei 3 Stati membri di una decisione che il Consiglio aveva adottato nel 2015 per ricollocare su base obbligatoria, dalla Grecia e dall'Italia, 120mila richiedenti protezione internazionale verso gli altri Stati membri. Dall'altro, i giudici hanno constatato che la Polonia e la Repubblica ceca erano venute meno anche agli obblighi derivanti da una decisione anteriore che il Consiglio Ue aveva adottato per il ricollocamento, su base volontaria, di 40mila richiedenti asilo dalla Grecia e dall'Italia. L'Ungheria, non era vincolata dalle misure previste da quest'ultima decisione.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie