Jack Dorsey, Wall Street non può controllare Bitcoin

Banche non servono, lavoro affinché sia per tutti

Wall Street non può e non potrà mai controllare il Bitcoin. Lo afferma l'amministratore delegato di Twitter e Square, Jack Dorsey. Secondo quanto riporta l'agenzia Bloomberg, intervenendo alla Bitcoin 2021 Conference Dorsey assicura che "farà tutto quello in suo potere per assicurarsi" che il Bitcoin sia per tutti. Ritenendo che nulla possa essere paragonato al Bitcoin, Dorsey si spinge a dire che "non c'è più bisogno delle banche" grazie alla criptovaluta, sulla quale Square sta scommettendo. La società sta infatti valutando un 'hardware wallet' per il Bitcoin, ovvero un dispositivo per depositare il Bitcoin che non è connesso a internet.

Intanto, Cameron e Tyler Winklevoss, i 'nemici di Mark Zuckerberg', non hanno dubbi: il Bitcoin salirà a 500.000 dollari nei prossimi cinque anni, raggiungendo una capitalizzazione di mercato di 10.000 miliardi. Intervenendo alla Bitcoin 2021 Conference, riporta l'agenzia Bloomberg, i gemelli osservano come a guidare il movimento del Bitcoin sono gli investitori retail non Wall Street, e che la cripovaluta potrebbe diventare universale ed essere, un giorno, usata su Marte. I gemelli Winklevoss sono sostenitori del Bitcoin da anni e sono stati fra i primi miliardari della criptovaluta: hanno usato i 65 milioni di dollari ricevuti da Zuckerberg nella battaglia legale per Facebook per acquistare Bitcoin nel 2013.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie