Tlc
  1. ANSA.it
  2. Tecnologia
  3. Tlc
  4. Allarme 007 Usa su smartphone cinesi

Allarme 007 Usa su smartphone cinesi

Huawei, governo mira a inibire nostro business

ROMA - I vertici di Fbi, Cia, Nsa e il capo dell'intelligence Usa hanno lanciato in Congresso un'allarme alle istituzioni e ai cittadini americani: non comprate smartphone prodotti in Cina da gruppi come Huawei o ZTE, perché rappresentano una minaccia per la sicurezza nazionale. 'Il rischio principale - ha spiegato il direttore dell'Fbi Chris Wray - è quello di permettere a società vicine al governo di Pechino di infiltrarsi nella rete tlc Usa, con la possibilità di rubare o modificare informazioni e di fare spionaggio'.

"Huawei è consapevole di una serie di attività del governo degli Stati Uniti che sembrano destinate ad inibire il business della società sul mercato americano. Huawei gode della fiducia di governi e clienti in 170 paesi in tutto il mondo e non pone rischi di cyber security più elevati di qualsiasi altro fornitore del settore tlc, condividendo la catena distributiva e capacità produttive". Così la società cinese risponde all'allarme degli 007 Usa. A gennaio era saltato all'ultimo momento l'accordo tra Huawei e At&t per la distribuzione del Mate 10 Pro in Usa.

E arriva anche il commento di Zte. "Siamo orgogliosi dell'innovazione e della sicurezza dei nostri prodotti presenti nel mercato statunitense”, ha riferito un portavoce della multinazionale cinese. “Prendiamo sul serio i temi della cybersecurity e della privacy, abbiamo sempre rispettato le leggi e rimaniamo un partner fidato di fornitori e clienti americani. In qualità di società quotata in borsa, ci impegniamo a rispettare tutte le leggi e i regolamenti degli Stati Uniti, lavoriamo con i fornitori di telecomunicazioni Usa con rigorosi protocolli di prova, e rispettiamo i più alti standard di business”, ha concluso il portavoce, facendo riferimento al superamento di “severi test” e all’”adesione ai più alti standard qualitativi”.

A fine gennaio l'amministrazione Trump ha fatto scattare un drastico giro di vite soprattutto contro Pechino, ma non solo, penalizzando l'import di lavatrici e di pannelli solari. Una mossa diretta ufficialmente a proteggere i produttori americani, l'America First portato anche a Davos. 

 

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Modifica consenso Cookie