Consumatori Ue denunciano TikTok alla Commissione

Società, vogliamo ascoltare le loro preoccupazioni

Il Beuc, l'Organizzazione Europea dei Consumatori, che riunisce 45 organizzazioni europee di consumatori di 32 Paesi, ha inviato una denuncia alla Commissione Europea e alla Rete di cooperazione per la tutela dei consumatori contro TikTok. Il social network è accusato di non tutelare adeguatamente gli utenti da contenuti inappropriati, pubblicità occulta e di violarne numerosi diritti.

"Siamo sempre aperti a comprendere come possiamo migliorare e abbiamo contattato il Beuc perché vogliamo proporre un incontro per ascoltare le loro preoccupazioni": lo dichiara un portavoce di TikTok, aggiungendo che "la sicurezza della community, in particolare degli utenti più giovani" e il rispetto "delle normative dei paesi dove operiamo sono responsabilità che ci assumiamo con la massima serietà".

Insieme al Beuc, le organizzazioni di consumatori di 15 Paesi del network, fra cui Altroconsumo in Italia - che ne dà notizia - si sono rivolte alle autorità - in Italia, il Garante privacy e l'Autorità garante della concorrenza e del mercato - chiedendo di indagare sulla condotta del social. Già nel 2019, Altroconsumo aveva chiesto l'intervento del Garante poiché TikTok consentiva l'iscrizione dei minori fino a 13 anni senza il consenso dei genitori, come invece previsto dal Regolamento europeo per la protezione dei dati personali.

"TikTok - dice Ivo Tarantino, Responsabile Relazioni Esterne Altroconsumo - conta oltre 800 milioni di utenti in tutto il mondo, molti dei quali bambini o adolescenti. Riteniamo fondamentale che il social network agisca nel totale rispetto dei diritti degli user, specialmente i più piccoli e indifesi".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie