Internet&Social

Cina ingaggia 20mila studiosi per Wikipedia 'fatta in casa'

L'Enciclopedia Cinese avrà 300mila voci, sarà online nel 2018

ROMA - La Cina ha ingaggiato migliaia studiosi per dar vita a una enciclopedia online 'fatta in casa' e rivale di Wikipedia, il cui accesso nel Paese è parzialmente bloccato. Stando a quanto riferito dal South China Morning Post, la terza edizione dell'Enciclopedia Cinese, che dovrebbe andare online l'anno prossimo, è il più grande progetto editoriale della Cina, cui partecipano oltre 20mila autori da università e istituti di ricerca contribuendo agli articoli in oltre 100 discipline.

Pensato per essere il primo libro digitale nazionale di "tutto", l'enciclopedia conterrà più di 300mila voci, ognuna delle quali lunga circa mille parole. Sarà grande il doppio dell'Enciclopedia Britannica, e avrà più o meno le stesse dimensioni della versione di Wikipedia in lingua cinese.

"L'enciclopedia Cinese non è un libro, ma una Grande Muraglia della cultura", aveva detto nelle scorse settimane Yang Muzhi, redattore capo del progetto e presidente della Periodicals Distribution Association of China.

Lanciata nel 2001, la versione cinese di Wikipedia è stata negli anni oggetto di censure e restrizioni. Al momento i cittadini cinesi possono consultare la maggior parte delle voci scientifiche e tecnologiche, ma non le voci relative ad esempio al Dalai Lama e al presidente cinese Xi Jinping.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie