Hi-tech
  1. ANSA.it
  2. Tecnologia
  3. Hi-tech
  4. Nonni hi-tech in Rsa, alfabetizzazione digitale con studenti

Nonni hi-tech in Rsa, alfabetizzazione digitale con studenti

Progetto di Fondazione Golgi Cenci e Bicocca con tablet Emporia

Entrerà nel vivo da gennaio il progetto di alfabetizzazione digitale organizzato dalla Fondazione Golgi Cenci con l'Università della Bicocca di Milano. Grazie all'utilizzo di tablet forniti dall'azienda austriaca Emporia, da qualche mese presente anche in Italia, gli over 75 ospiti delle Rsa della Fondazione potranno fare i loro primi passi nel mondo della tecnologia. supportati da una trentina di studenti dell'università. Una fascia di età che, secondo lo specialista Emporia, presenta diverse difficoltà nell'approcciare la cosiddetta tecnologia standard, con necessità ben specifiche di capire metodologie di utilizzo basilari.

I prodotti Emporia sono il frutto di ricerche e audit organizzati per il target degli "over", tenendo in considerazione il bisogno di avere tasti grandi, icone ben leggibili e molte altre funzioni che per altri utenti sarebbero di poco conto, quasi dei difetti. Stando proprio ad una ricerca svolta nel 2021 in collaborazione con Astra Ricerche, Emporia ha individuato che gli anziani italiani sono sempre più autonomi nella scelta del proprio smartphone (65,1%) e nel suo primo utilizzo (51,9%), sfruttando l'isolamento causato dalla pandemia per scoprire nuove funzionalità del proprio dispositivo (49,4%).


Il 65,1% degli intervistati ha dichiarato di aver completato il processo di acquisto del proprio dispositivo telefonico mobile da solo, mentre solo il 24,5% di aver lasciato l'onere a figli o parenti. Con la diffusione del coronavirus, il conseguente isolamento e distanziamento sociale, lo smartphone ha acquistato un ruolo sempre più importante per contrastare la solitudine, tanto che il 72,6% degli intervistati afferma che la pandemia ha mostrato loro quanto sia importante che tutte le generazioni siano digitalmente abili, mentre il 61,9% ha risposto che il loro cellulare ha evitato che si sentissero totalmente esclusi durante il lockdown.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie