Hi-tech

Android, torna in Italia la registrazione delle telefonate

Disponibile sugli smartphone che usano Google Telefono

Torna in Italia la funzione di Google Telefono che permette di registrare le chiamate sugli smartphone Android. Era presente già tempo fa, anche se gradualmente i vari marchi l'avevano dovuta abbandonare per l'utilizzo di una propria interfaccia per il dialer telefonico.

E, in effetti, il requisito per utilizzare la funzionalità è sempre quello di effettuare la chiamata tramite la visuale Google Telefono, pre-caricata su tanti smartphone Android, dai Pixel, di proprietà Google, a OnePlus e Xiaomi. Ad ogni modo, l'app si può scaricare dal Play Store e sostituire a quella di default del dispositivo. Una volta attivata, nel menù delle impostazioni di Google Telefono si vedrà la nuova voce Registrazione della chiamata, che consente di avviare le registrazioni e tenerle salvate in memoria per un lasso di tempo a scelta, tra 7 giorni, 14 giorni, 30 giorni. Dopo tale termine, i file si auto-cancellano. Prima di avviare la registrazione, Google Telefono mostra un avviso che invita l'utente a rispettare le leggi in materia di registrazione delle conversazioni; segnala che a tutti i partecipanti verrà notificato l'avvio della registrazione; ricorda che le registrazioni vengono archiviate solo sulla memoria dello smartphone. Vale la pena ricordare che, in Italia, registrare una chiamata è legale, se chi effettua la registrazione fa parte della conversazione. Differente il caso di una registrazione di una chiamata alla quale non si partecipa: visto che ci trova nel campo dell'intercettazione, con una normativa ben più rigorosa.
    (ANSA).
   

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video ANSA




    Modifica consenso Cookie