Hi-tech

Google Trekker per studiare clima

Tecnologia nata per mappe monitorerà effetti su ambiente

Sono entrati in azione dall'Amazzonia a Venezia per consentire a milioni di persone di esplorare i luoghi più suggestivi del mondo con un paio di click, ma ora i Google Trekker, gli zainetti con sensori e multi-fotocamera usati per il servizio mappe Street View, saranno impiegati anche per studiare gli effetti dei cambiamenti climatici. Ad utilizzarli per questo scopo è Nature Conservancy con uno studio su una specie di quercia californiana.
    Il Google Trekker è una tecnologia introdotta nel 2012 dal colosso di Mountain View per fotografare e "mappare" il mondo a 360 gradi anche in zone che non era possibile raggiungere con le auto di Street View. Si tratta di un'apparecchiatura che viene portata in spalla dagli "esploratori", uno zaino equipaggiato con 15 fotocamere ad alta risoluzione e strumentazioni GPS. I Trekker hanno visitato luoghi remoti come le isole Galapagos, ma anche mete turistiche come Venezia o il Taj Mahal.
    Nature Conservancy, organizzazione ambientalista Usa, ha pensato di sfruttare le proprietà di questa strumentazione per studiare gli effetti dei mutamenti climatici. Il progetto è partito nel Kammerer Ranch a San José, California. Con il Trekker gli scienziati stanno fotografando la popolazione locale di una specie di quercia californiana ('Blue Oak') particolarmente minacciata dai mutamenti del clima. Queste querce infatti risentono particolarmente di siccità e terreni aridi. Le misurazioni e le immagini saranno raccolte ogni cinque anni e aiuteranno gli studiosi non solo a misurare l'evoluzione delle querce ma anche di altre piante e di ogni altro elemento che sarà "catturato".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie