Berrettini "più facile ripartire con calcio che con tennis"

N.8 Atp: 'Pallone è nazionale, noi sempre in giro per il mondo'

(ANSA) - ROMA, 08 MAG - "Il campionato italiano si gioca solo in Italia, con giocatori che vivono in Italia e non dovrebbero andare all'estero. Il tennis invece è un circuito internazionale. Se il calcio si chiude solo in Italia, con l'Italia che sta migliorando e sta bene, con tutte le precauzioni che si possono prendere, spero non ci siano problemi". La pensa così Matteo Berrettini su una possibile ripartenza del campionato di calcio. "Attorno al calcio - dice all'ANSA dalla sua residenza in Florida il tennista numero 8 Atp - è indubbio che ci sono tanti interessi economici ed è anche il nostro sport nazionale. Ci sono tanti sport meno contagiosi del calcio e mi dispiace per il loro stop. Il calcio è il nostro sport nazionale, per certi versi è normale che ci sia tutta questa discussione attorno. È la nostra mentalità". "Nel tennis - conclude il tennista romano - si potrebbe creare un circuito nazionale in cui solo i residenti nazionali giocano, questo può valere per tutti gli altri sport. Vediamo cosa succederà".
    (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie