Sport

F1: Ungheria; Hamilton e le vertigini, forse postumi del Covid

Pilota si ammalò a fine 2020, 'da allora allenarsi è più duro'

(ANSA) - ROMA, 01 AGO - Lewis Hamilton non esclude che possa esserci la sindrome da Long Covid dietro la sensazione di spossatezza e le vertigini per cui gli è stato necessario farsi vedere dal medico della Mercedes, mentre iniziava senza di lui la conferenza stampa al termine del Gp di Ungheria. Lo ha spiegato lo stesso pilota inglese, 36 anni, risultato positivo al virus alla fine del 2020 e apparso non al meglio sul podio a fine gara.
    "Sto bene, ho avuto davvero delle forti vertigini e tutto è diventato un po' annebbiato sul podio - ha spiegato Hamilton, prima di raccontare le difficoltà vissute dopo la malattia - Per tutto l'anno ho combattuto per restare in salute dopo quello che era accaduto a fine 2020 ed è ancora così, è una battaglia. Non ne ho parlato con nessuno ma penso che gli effetti del Covid siano persistenti. Mi ricordo gli effetti di quando l'ho avuto e da allora allenarsi è stato diverso. Il livello di fatica è diverso, mette davvero alla prova".
    "Io continuo ad allenarmi e prepararmi nel modo migliore - ha aggiunto l'inglese -. Oggi chissà cosa è stato. Forse un problema di idratazione, non so, ma non lo avevo mai provato prima. Ho avuto qualcosa di simile a Silverstone, ma questa volta è stato molto peggio". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie