Giro, Cassani: "Le garanzie ci sono, non si può abbandonare"

Ct azzurri: "Più comodo tornare a casa e sedersi in poltrona"

(ANSA) - CESENATICO (FORLI'-RIMINI), 15 OTT - "Piove sul giro e non soltanto acqua dal cielo. Sulla nostra bellissima corsa piovono neanche tante simulate minacce di abbandono. La ragione starebbe nel fatto che il giro non garantirebbe le garanzie necessarie. Ovviamente è molto più comodo tornare a casa e sedersi in poltrona a vedere la Televisione piuttosto che pedalare sulle strade italiane rese ancora più dure dalla pioggia e dal freddo". Lo scrive in un post su Facebook il ct della Nazionale italiana di ciclismo, Davide Cassani, riferendosi alle polemiche sulla sicurezza sanitaria della corsa rosa.
    "Però - per Cassani - è proprio questo il senso dello sport.
    Non si può abbandonare la partita quando i giochi non sono ancora finiti o quando si fanno più difficili. Gli organizzatori stanno facendo miracoli, proponendo ogni giorni garanzie di sicurezza e protocolli molto rigidi. La bolla sta tenendo perché solo tre corridori e cinque dello staff delle squadre sono stati trovati positivi al Covid. E il pubblico, tenuto a distanza, non può interferire con un servizio d' ordine di assoluta garanzia".
    "Non è che qualcuno - prosegue voglia bloccare il Giro per poi far saltare la vuelta e tutte le altre corse anticipando la chiusura della stagione per poi non pagare i corridori?".
    (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie