Calcio
  1. ANSA.it
  2. Sport
  3. Calcio
  4. La Roma si presenta, show dei 'Fab Four' contro Shakhtar

La Roma si presenta, show dei 'Fab Four' contro Shakhtar

Successo per 5-0. Pellegrini 'ripartiamo verso altre vittorie'

Gol, spettacolo e solidarietà. Non manca nulla nella presentazione della seconda Roma di Josè Mourinho allo stadio Olimpico contro lo Shakhtar Donetsk. I giallorossi vincono 5-0 in una partita che ha il sapore di festa e in uno stadio che vede il primo sold out della stagione con l'intero ricavato donato al club ospite. Tanti gli applausi per l'inno ucraino, suonato un'ora e mezza prima della partita, e che ha anticipato la presentazione della squadra. I calciatori della Roma sono stati chiamati uno alla volta al centro del campo e ognuno di loro è stato accompagnato da musiche (scelte dagli stessi calciatori) ed effetti speciale. Tra i più acclamati Zaniolo, Abraham, i nuovi acquisti Wijnaldum, Matic e Dybala, mentre Pellegrini e Mourinho sono entrati solo insieme alla fine, ricevendo la standing ovation dei 65.303 spettatori presenti. "Grazie a tutti di essere qui oggi - ha esordito il capitano giallorosso prendendo il microfono - Vogliamo ripartire dall'entusiasmo dello scorso anno verso altre vittorie, un grande applauso a tutti e forza Roma".

 Insomma, la festa può cominciare perché lo Special One sceglie i 'Fab Four' tutti insieme dal primo minuto. E proprio Pellegrini, Zaniolo, Dybala e Abraham sono i protagonisti del primo gol finalizzato dal sette giallorosso dopo nemmeno 20 minuti. Gambe pesanti per lo Shakhtar (che gioca con i nomi delle città ucraine coinvolte nel conflitto con la Russia sulle maglie al posto dei cognomi dei calciatori), mentre con il passare dei minuti il gioco della Roma trova sempre più fluidità chiudendo il primo tempo sul 3-0 con la rete di Mancini, l'autogol di Konoplya, un palo di Zaniolo e un paio di giocate di Dybala che hanno infiammato gli spalti. All'intervallo lo show continua perché è il momento del mini concerto di Blanco, mentre nella ripresa arrivano i primi cambi per Mou che butta dentro subito Smalling, Ibanez, Svilar, Celik e qualche minuto dopo anche Bove, Winaldum ed El Shaarawy che dopo neanche trenta secondi serve Zaniolo per il poker giallorosso. Il portoghese dà minuti a tutti (tranne a Zalewski in tribuna a scopo precauzionale per una botta alla caviglia) e nel finale trova anche il quinto gol con Bove. Capitolo mercato: Villar domani firmerà con la Sampdoria, mentre Carles Perez (questa sera assente durante la presentazione della squadra) è a un passo dal Celta Vigo. Un'operazione, una volta chiusa, che avvicinerebbe Andrea Belotti alla Roma. Il Gallo da giorni ha l'accordo con i giallorossi sulla base di un triennale a 2,8 milioni di euro a stagione più bonus a salire e aspetta solo di poter sbarcare nella Capitale. Tiago Pinto spera già entro mercoledì per dare a Mourinho il sesto colpo del mercato entro il fischio d'inizio della stagione. Poi resterebbe il centrale e il prescelto è Eric Bailly, oggi in tribuna nella gara del suo Manchester United. In uscita, invece, i giallorossi continuano a trattare il prestito con obbligo di riscatto di Shomurodov al Bologna e quello di Kluivert al Fulham

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA