Calcio

Allegri: 'Riscatto in Champions dopo avvio disastroso'

Difende Szczesny: 'Non si discute'. Bonucci: 'Ritroviamo umiltà'

Il campionato va archiviato fino a domani sera, ora la testa deve andare tutta sulla Champions League: la Juventus, infatti, non può permettersi di sbagliare anche in Svezia. "Veniamo da un inizio di campionato disastroso, dobbiamo cercare di trovare un risultato positivo per mettere le basi per affrontare il girone nel migliore dei modi: non siamo tra le favorite alla vittoria finale, ma vogliamo provarci" spiega Massimiliano Allegri alla vigilia della gara contro il Malmoe. "Una squadra fisica e con alcune buone individualità, - aggiunge, parlando dell'avversaria di domani sera - servirà un'ottima prestazione fatta di tecnica e personalità, facendo attenzione a non concedere loro palle inattive". Solo un punto in tre partite contro Udinese, Empoli e Napoli, cosa sta succedendo ai bianconeri? "Serve un maggiore senso di responsabilità, dobbiamo migliorare e crescere nelle malizie e nella gestione dei momenti - aggiunge l'allenatore sulla cura per uscire dalle difficoltà di questo inizio stagione - perché a Napoli ad esempio Rabiot avrebbe dovuto continuare dopo la respinta corta di Szczesny e non avremmo subito gol. Inoltre non abbiamo conquistato nemmeno una punizione dal limite dell'area".

E sui dubbi proprio a proposito di Szczesny, Allegri si schiera in difesa del suo portiere: "E' affidabile e di livello europeo, mi avessero detto che avrebbe commesso tre errori così avrei pensato 'siete matti': domani gioca lui". Anche Bonucci coccola il polacco: "Tek ha sempre detto che pensa alle critiche: deve solo stare tranquillo, è un momento che passerà e tocca a noi superarlo nel più breve tempo possibile". In Svezia mancheranno Chiesa e Bernardeschi, rimasti a Torino per curarsi dai rispettivi acciacchi, ma rientrano tutti i sudamericani: Dybala si riprenderà un posto in attacco, Cuadrado e Alex Sandro possono agire sulle fasce, in mediana invece Locatelli parte davanti a Bentancur. E Kulusevski? "Non so se partirà dall'inizio, deciderò domani mattina" le parole dell'allenatore sullo svedese. "Ci sarà De Ligt in mezzo alla difesa" aggiunge. Bonucci spera che presto la Juve getti la brutta maschera che ha indossato: "Quella che si è vista fino ad oggi non è la vera Juve, non può essere questa: - dice il difensore - c'è voglia di migliorare e di guardare oltre, chi indossa questa maglia deve sapere che non è come le altre e non esistono alibi". "C'è un problema di continuità a livello mentale e dobbiamo lavorarci come squadra e come singoli - spiega Bonucci spronando i compagni - e non servono tante chiacchiere: dobbiamo ritrovare l'umiltà facendo squadra perché è solo con il gruppo che riprendiamo la strada che spetta alla Juve".

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie