Moratti: "L'Inter mi ricorda quella di Trapattoni"

Lukaku 'emblema', Barella 'speciale', Conte 'la tenacia'

Plaude a tutta la rosa dell'Inter Massimo Moratti, a cominciare da Lukaku e Lautaro, "due giocatori eccezionali". Per l'ex presidente nerazzurro, intervistato da Sky Sport, Lukaku "è l'emblema di questa vittoria, perché oltre a fare i gol alleggerisce anche il lavoro della squadra". Barella però "per me è stato il giocatore che ha più impersonificato il carattere dell'Inter, il carattere che era necessario per vincere - sottolinea Moratti - Penso che Barella abbia fatto un campionato speciale", ma anche Hakimi "è stato una sorpresa". E poi la difesa, "certamente granitica o lo stesso Handanovic, che malgrado possa aver dato un'impressione sbagliata nelle ultime partite, ci ha salvato con tante parate spettacolose nella prima parte di campionato".

Senza dimenticare il tecnico Antonio Conte: "La sua tenacia e la sua resistenza lo caratterizzano. Malgrado il bello e il cattivo tempo, è riuscito a portare a termine il suo scopo e a raggiungere l'obiettivo proteggendo la squadra, plasmandola e dandole il proprio carattere".  Questa Inter ricorda a Moratti duella "di Trapattoni che era veramente piena di carattere ed era stata sorprendente nell'anno in cui ha vinto. Poi ci sono somiglianze anche con tutte le squadre dell'Inter che hanno vinto il campionato. Certamente questi giocatori sono stati bravissimi: a loro piace essere paragonati ai giocatori del passato e spero che in futuro saranno anche loro presi come riferimento per aver vinto tanto".
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie