Corte appello Figc, 12 mesi di squalifica a Lotito

Per la vicenda della presunta violazione dei protocolli Covid

La Corte d'appello della Figc ha inflitto 12 mesi di squalifica al presidente della Lazio, Claudio Lotito per la vicenda dei protocolli Covid. Lo apprende l'ANSA.
Il presidente della Lazio , Claudio Lotito, era stato inibito nel processo sportivo di primo grado per sette mesi per la vicenda della presunta violazione dei protocolli Covid. In appello, sono state confermate le inibizioni di 12 mesi ciascuno per i due medici del club, Ivo Pulcini e Fabio Rodia, mentre la multa alla Lazio e' stata innalzata da 150 mila a 200 mila euro. Di fronte alla Corte d'appello a Sezioni unite. presieduta da Mario Luigi Torsello, Lotito difeso dall'avvocato Gian Michele Gentile, aveva fatto ricorso per chiedere la piena assoluzione dalle accuse di mancato controllo nell'applicazione del protocollo anti-Covid relativamente al periodo tra il 28 ottobre e l'8 novembre a seguito di presunte positività al coronavirus riscontrate in diversi giocatori.
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie