Gerson vittima di razzismo, Roma 'sempre uno di noi'

Denuncia sui social del centrocampista dopo Flamengo-Bahia

 "Gerson, uno di noi per sempre" è il messaggio di solidarietà della Roma verso il suo ex calciatore che ieri, durante una partita al Maracana tra il suo Flamengo e il Bahia. Gerson ha cercato di calmare gli animi durante una partita molto tesa e l'attaccante colombiano del Bahia Ramirez sarebbe intervenuto rispondendogli 'stai zitto negro'.
    "Amo la mia razza e lotto per il colore della mia pelle. E' da quando avevo otto anni, da quando ho iniziato la mia carriera nel calcio, che mi sento dire 'zitto, negro', non ci sono riusciti e non ci riusciranno nemmeno adesso" spiega su Instagram Gerson, il quale conclude: "Non basta non essere razzisti, bisogna essere antirazzisti. Non chiuderò la mia bocca, la mia lotta, la lotta della gente di colore non si fermerà".
    La federcalcio brasiliana (Cbf) ha chiesto alla Corte superiore di giustizia sportiva di "aprire immediatamente" un'indagine sulla vicenda. Il Bahia ha sospeso il giocatore in attesa che tutto venga chiarito, pur negando le accuse, mentre la stragrande maggioranza dei club brasiliani ha espresso la propria solidarietà al giocatore e ha condannato il razzismo.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie