Champions: Bruges-Lazio formazioni

A Roma restano Immobile, Luis Alberto, Lazzari e Anderson

Champions: alle 21 Bruges-Lazio. Emergenza Covid, Inzaghi con gli uomini contati. 

 Probabili formazioni di Bruges-Lazio.
    Bruges (4-3-3): 22 Horvath; 77 Clinton Mata, 44 Mechele, 18 Ricca, 2 Sobol; 25 Vormer, 20 Vanaken, 26 Rits; 11 Diatta, 42 Bonaventure, 42 De Ketelaere. (91 Lammens, 3 Balanta, 10 Lang, 16 Schrijvers, 21 Okereke, 27 Badji, 92 Asoma, 28 Van der Brempt, 55 De Cuyper, 93 Fuakala, 97 Van den Keybus, 99 Baeten).
    All.: Clement.
    Lazio (3-5-2): 25 Reina; 4 Patric, 14 Hoedt, 33 Acerbi; 77 Marusic, 92 Akpa Akpro, 16 Parolo, 21 Milinkovic-Savic, 96 Fares; 11 Correa, 20 Caicedo. (71 Alia, 55 Furlanetto, 54 Franco, 58 Pica, 50 Bertini, 53 Czyz, 94 Muriqi). All.: Inzaghi.
    Arbitro: Anthony Taylor (Ing).

La scure del Covid si abbatte anche sui biancocelesti. Per la seconda sfida di Champions League stasera in casa del Club Bruges, la Lazio dovrà fare a meno di tanti titolari, decimata dalla febbre e in attesa dei secondi tamponi di domani: "Abbiamo diversi giocatori rimasti a Roma, siamo in 16 e la società in merito alla situazione Covid farà un comunicato", ha annunciato Simone Inzaghi alla conferenza stampa di vigilia del match. Il tecnico biancoceleste aveva già ammesso a Sky Sport: "Dobbiamo andare a fare una gara importante contro una squadra che ha vinto la prima. Andiamo oltre l'emergenza che purtroppo colpisce tutti in questo momento. Il problema principale è non avere rotazione, facciamo di necessità virtù. Abbiamo giocato tre giorni fa con il Bologna, questo è il momento, andiamo avanti". L'allarme era già scattato ieri in mattinata, fin dalla rifinitura che aveva visto in campo solo la metà della rosa a disposizione. Poi la conferma all'aeroporto di Fiumicino, dove per il volo per il Belgio all'appello mancavano Immobile, Luis Alberto, Lazzari e Djavan Anderson, oltre al portiere titolare Strakosha (già assente con il Bologna), Andreas Pereira, Lucas Leiva, Cataldi, Luiz Felipe, Armini ed Escalante. Quest'ultimo già in clinica Paideia lunedì per un infortunio, che si aggiunge alle indisponibilità già conclamate di Radu, Lulic e Vavro.

Ieri Inzaghi ha potuto svolgere la rifinitura soltanto con 13 giocatori della rosa titolare, Reina, Alia, Milinkovic-Savic, Marusic, Acerbi, Muriqi, Correa, Patric, Caicedo, Parolo, Akpa Akpro, Fares e Hoedt, ai quali ha dovuto unire i giovani Furlanetto, Franco, Bertini, Pica, Czyz. In conferenza stampa, tra i più abbattuti proprio Francesco Acerbi, che con aria dismessa ha detto: "Siamo in emergenza - le parole del difensore - l'importante è che siamo in 11 per giocare e daremo il massimo per andare avanti. Abbiamo delle possibilità". Una di queste potrebbe essere quella di recuperare domattina due, tre elementi con carica virale molto bassa e possibilmente negativi al nuovo tampone. Difficile prevederlo però. Appresa la notizia, i bookmakers dei principali siti di scommesse sportive hanno eliminato le quote del match, troppe le assenze per i biancocelesti. In assenza di colpi di scena, in campo toccherà ai superstiti biancocelesti: Reina tra i pali, Patric, Hoedt e lo stesso Acerbi nella linea difensiva, con Marusic e Fares sugli esterni, Akpa Akpro, Parolo e Milinkovic in mezzo. In attacco spazio alla coppia Correa-Caicedo con Muriqi pronto a subentrare. "La gara è complicata - ammette Inzaghi - Parliamo di una formazione fisica, con un ottimo centrocampo. Servirà una partita molto intensa, in Europa i ritmi sono alti, cerchiamo di portare a casa un risultato positivo. Ho Muriqi, Caicedo e Correa, vedremo chi giocherà dal primo minuto".
   

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Video ANSA




    Modifica consenso Cookie