Incubo Zaniolo: altro ko ginocchio, operazione sospesa

Lesione legamento crociato, fermo sei mesi: 'Tornerò presto'

Un nuovo incubo a nove mesi dall'infortunio al legamento crociato destro. Non c'è pace per Nicolò Zaniolo, il centrocampista della Roma che da Olanda-Italia torna con una "lesione completa del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro". Una diagnosi feroce, che fa ripiombare il talento giallorosso ancora nel buio, fino alla decisione presa in serata di rinviare l'operazione prevista per domani a Villa Stuart: con la Roma e la famiglia ha deciso di prendersi qualche giorno per riflettere su cosa sia meglio fare. Predestinato, gioiello, fuoriclasse gli epiteti che hanno accompagnato l'avvento del giovane Zaniolo che dopo il primo choc aveva ritrovato il sorriso, con la chance di giocare l'Europeo rinviato di un anno a causa del Covid. E invece la sorte si è di nuovo frapposta tra le ambizioni e i progetti del giallorosso: dopo gli accertamenti a Villa Stuart, è stato lo stesso centrocampista giallorosso e della Nazionale ad annunciare il nuovo e lungo stop che lo attende. "Ringrazio tutti quanti, sia tifosi della Roma che non, per il supporto". E poi la promessa: "Tornerò presto". Dopo l'operazione del 13 gennaio scorso, il giocatore era rientrato in campo in sette mesiriuscendo a giocare anche le ultime partite di campionato seguite al lockdown. Adesso il morale è di nuovo a terra, e la Roma e tutto il calcio si sono stretti intorno: per sostenerlo il club giallorosso ha lanciato l'hashtag #ForzaNicolò al quale hanno risposto in tanti tra calciatori, tecnici, club e personaggi famosi. Dal Milan ("Ti aspettiamo in campo") all'Inter ("Siamo tutti con te") a ex compagni di squadra come Nainggolan ("In bocca al lupo grande"). Tanti i messaggi di affetto e sostegno: il capitano della Roma Edin Dzeko ("Forza Brate"), Francesco Totti: "Forza Nico". Il presidente della Federcalcio Gabriele Gravina ha rilanciato: "Ti aspettiamo per l'Europeo! Oltre ad avere un indiscutibile talento - ricorda il capo del calcio italiano - nella sua giovane carriera Zaniolo ha dimostrato di possedere anche una grande forza d'animo, che già una volta gli ha permesso di recuperare da un brutto infortunio. Sono certo che tornerà presto ad indossare la maglia della Nazionale, regalandosi e regalando a tutti i tifosi italiani tante soddisfazioni". Anche Roberto Mancini ha incoraggiato il romanista. "E' giovani, sara' pronto per l'Europeo" . Il presidente del Coni Giovanni Malagò, noto tifoso giallorosso, ha ricordato che Zaniolo "è un patrimonio dell'intero Paese, un giocatore della Nazionale. A questa età non ci sono tanti casi di doppio infortunio in pochi mesi. Purtroppo non me ne ricordo molti, è quasi una cosa da Guinnes. È normale abbia colpito tutti, non è questione di tifare una o l'altra squadra. Gli mando un grande abbraccio, è una vera e propria beffa. Ma sono sicuro che tornerà come prima, anzi, più forte di prima". Tra chi ha vissuto un calvario simile, ci sono il portiere Mattia Perin e Arek Milik: "Per quanto sia vasta l'oscurità, dobbiamo procurarci noi la nostra luce. So cosa stai passando, spero che questa frase possa aiutarti come ha aiutato me. Resisti, siamo tutti con te", ha detto il portiere del Genoa, che a distanza di un anno per due volte si era rotto il legamento crociato del ginocchio. "Ci sono passato anche io. Sono con te. Forza Nicolò", ha invece scritto l'attaccante del Napoli. Incerti ancora i tempi di recupero, ma si tratterà almeno di sei mesi di stop con rientro previsto non prima di fine marzo. Una tegola anche sulla Roma, che in pieno mercato ora potrebbe rivedere i suoi piani. Al momento la priorità resta quella di sfoltire la rosa (lo stop inatteso potrebbe anche trattenere Dzeko), non è da escludere invece un possibile rinnovo per Zaniolo, un gesto simbolico e che dimostrerebbe ancora una volta la volontà dei giallorossi di puntare sul giovane azzurro per il presente e per il futuro. Poi, in serata la decisione a sorpresa: la sala operatoria era gia' pronta, ma Zaniolo vuole pensare bene a cosa fare, e rinvia le sue scelte su come uscire dal suo incubo.

Da Milik a Zaniolo, la maledizione dei crociati bis- Prima la paura, poi la speranza, infine lo sconforto. Non doveva capitare, invece capita a un calciatore di finire sotto i ferri per la seconda volta nel giro di un semestre, per la seconda rottura del legamento di un ginocchio. In talune circostanze si tratta di ricadute, ma ci sono casi in cui - come è capitato al romanista Zaniolo - che a saltare siano i legamenti non operati. La lista dei "perché proprio a me?" è lunga. In principio fu Francesco Rocca, la cui carriera venne di fatto stroncata da un doppio infortunio ai legamenti. 'Kawasaki' era il futuro della Nazionale, ma la sua carriera entrò in un tunnel senza uscita. Poi toccò a un altro romano adottivo come Carlo Ancelotti, che comunque riuscì in seguito a giocare nel Milan degli olandesi. A proposito di romanisti, l'olandese Kevin Strootman (ieri sera era in panchina ad Amsterdam) passò più tempo in infermeria che in campo, sempre per la rottura dei crociati. Anche il portiere Mattia Perin, astro nascente dei pali, si vide tarpare le ali da un doppio infortunio nel Genoa. La lista prosegue con Leonardo Pavoletti del Cagliari che si ruppe il crociato sinistro, lo stesso lesionato ad agosto 2019, a inizio campionato. Stessa sorte per Arkadiusz Milik, attaccante del Napoli, che s'infortunò al crociato sinistro l'8 ottobre 2016 e rientrò il 13 febbraio 2017. Quello stesso anno Milik riporterà identico infortunio allo stesso ginocchio. Alessandro Florenzi s'infortunò una prima volta nel settembre 2016, per rientrare in campo il 13 febbraio 2017. La vera fatalità riguarda il secondo infortunio, sempre al crociato, dopo appena tre giorni dal rientro in campo, il 16 febbraio 2017. Faouzi Ghoulam rimediò la rottura del crociato destro nel novembre 2017. Nel giorno del suo rientro in campo finì ancora ko, questa volta per la frattura della rotula del ginocchio. E che dire di Giuseppe Rossi? Il destino è stato davvero beffardo con lui. Subì la rottura del crociato nell'ottobre 2011 e il 6 gennaio 2014 riporterà un altro infortunio al crociato. Nell'agosto dello stesso anno subirà la rottura del legamento crociato mediale. In totale ha collezionato 1.241 giorni di stop. Anche Claudio Marchisio rientra fra i calciatori tormentati dagli infortuni, con due crociati rotti: prima il ginocchio destro, poi il sinistro. Marchisio si lesionò il crociato collaterale destro il 18 agosto 2013. Dopo appena tre anni, il aprile 2016, fece crack il ginocchio sinistro (rottura del crociato anteriore). "C'è un numero considerevole di calciatori già operati e poi incappati in un secondo infortunio. I tempi di recupero, però, non c'entrano, perché i protocolli ormai sono standardizzati. L'unica spiegazione è legata al caso: chi ha subito un trauma una prima volta, può subirlo anche una seconda volta. Non credo ci sia una correlazione diretta con l'intervento chirurgico, anzi ritengo che l'intervento stabilizzi bene il ginocchio, irrobustendolo e preservandolo - spiega Carlo Tranquilli, specialista in medicina dello sport, a proposito del secondo infortunio di Zaniolo. "L'atleta operato spesso è più forte di quello non operato - aggiunge - diventa quasi invulnerabile. Se dovessi scegliere fra un calciatore già operato al legamento del ginocchio e un altro, sceglierei il primo, perché mediamente è più preparato. Questo tipo d'infortuni sono frutto del caso. Non c'entrano i tempi di recupero o la preparazione. I tempi di rimessa in campo sono standardizzati".

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA




      Modifica consenso Cookie