F1, Sainz: 'Non ho firmato con la Ferrari per fare il secondo'

Lo spagnolo: 'Darò tutto per vincere, ogni collega è un rivale'

"Non ho firmato niente che mi stabilisca nella posizione di seconda guida. Nel mio contratto (con la Ferrari n.d.r.)c'è scritto, come in tutti quelli che ho sottoscritto, che il team sta sopra al pilota, però non c'è nulla a proposito di 'secondo' o appoggio a qualcun altro. Ciò che so è che darò tutto per la Ferrari". Intervistato da Radio Marca, il neo ferrarista Carlos Sainz jr, che con la Rossa correrà dal 2021, chiarisce di non sentirsi il 'secondo' di Charles Leclerc, e di volersi giocare le proprie chance.
    "Alla Ferrari darò tutto ciò che ho per tentare di vincere - dice ancora lo spagnolo- e per me è uguale il colore della vettura, nel senso che tratto ogni mio collega allo stesso modo e per me sono tutti dei rivali. Se poi ci sarà una situazione complicata, state sicuri che prenderò la decisione giusta".
    Sainz, che in questa stagione ancora non partita per via della pandemia continuerà a far parte della McLaren, non vede l'ora di tornare in pista: "manca solo un mese (al primo gran premio n.d.r.) e io non vedo l'ora. Ho un tale desiderio di gareggiare che mi è venuta voglia di stare sul simulatore, cosa che di solito non mi piace. Quindi immaginate quanto mi vada di tornare a competere. Voglio andare in Austria - aggiunge - prepararmi alla gara e sentire la pressione che aumenta. Se lo fai da una vita, poi ne senti la mancanza. Certo sarà strano un gp senza pubblico, però quando saremo dentro la vettura non ne avvertiremo l'assenza".
    Un'altra battuta sul contratto con la Ferrari. "Mi ha mandato solo quello e potete immaginare il sorriso che avevo quando l'ho firmato - dice Sainz -. Non ho guardato se c'era una postilla per avere uno sconto per l'acquisto di una Ferrari. Vedremo, ne parleremo quando sarò a Maranello"
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA




        Modifica consenso Cookie