Torna la Coppa del Mondo di Sci

In Val di Fassa parte attacco a Sofia Goggia

Sofia Goggia non c'è, forzatamente bloccata nella sua Bergamo dopo l'incidente di Garmisch. Ma contro di lei parte un attacco durissimo per tentare in sua assenza di detronizzarla dalla vetta della classifica di discesa e portarle via la coppa del mondo nella piu' prestigiosa delle discipline alpine. Oggi e sabato, infatti, nella trentina Val di Fassa, sulla pista La Volata di passo San Pellegrino, ci saranno due discese di Coppa, seguite domenica da un SuperG. Si tratta rispettivamente della sesta e della settima discesa delle otto stagionali. E dopo le prime cinque in testa alla classifica c'è proprio la Goggia con un bel gruzzolo di ben 480 punti ottenuti con un secondo posto e quattro vittorie consecutive. Con tre gare ancora davanti la coppa del mondo di Sofia non è però ancora del tutto al sicuro.

100 punti alla prima, 80 alla seconda , 60 alla terza, 50 alla quarta e 45 alla quinta: sono queste le cifre da tenere bene in mente per capire cosa può capitare in val di Fassa, all'esordio della vallata in coppa del mondo. La più pericolosa per Sofia e' la statunitense Breezy Johnson che di punti ne ha 285 Breezy, 25 anni, di Jackson Hole, in coppa mai ha vinto ma in questa stagione ha inanellato ben quattro terzi posti. Se andasse avanti con questo ritmo nelle prossime gare il trono di Sofia sarebbe al sicuro ma se solo l'americana riuscisse a vincere una gara già in val di Fassa tutto potrebbe cambiare. Breezy è più che mai agguerrita e l'ha dimostrato il suo miglior tempo nella seconda prova cronometrata su La Volata.

Poi c'è da tenere parecchio d'occhio anche l'elvetica Corine Sutee con 270 punti. E' non solo la fresca detentrice del titolo mondiale ma è anche l'unica che in questa stagione che è riuscita almeno una volta a stare davanti a Sofia. Insomma, una cliente pericolosissima. Non bastasse, con 206 punti c'è pure la ceka Ester Ledecka che nelle prossime tre gare dovrebbe però fare tutto in maniera perfetta mentre contemporaneamente Suter e Johnson dovrebbero praticamente sparire dalla classifica: possibile ma altamente improbabile. Possibilissimo è invece che Ledecka con qualche buona prestazione tolga posizioni e dunque punti alla svizzera ed all'americana, ostacolandone l'assalto al primato di Sofia. Per cui l'assente Goggia dovrà comunque vedersela con quello che faranno Breezy e Corinne sperando però che nel frattempo qualcuna una delle sue compagne di squadre azzurre riesca nelle due discese a stare davanti alle due togliendo loro punti. Motivatissima è ad esempio Federica Brignone, delusa dall'esperienza di Cortina ma piena di voglia di "di mostrare quello che valgo". A Bansko, in Bulgaria, oggi e sabato ci saranno invece due giganti uomini seguiti domenica da uno slalom. Nei due gigante c'e' soprattutto il trentino Luca De Aliprandini che, assaporato il primo podio in carriera proprio con l'argento di Cortina, vive in uno stato di comprensibile euforia che può dargli la spinta in più in queste due gare .

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie