Sport

L'azzurro ai tempi del Covid, Mancini ne convoca 41

Ct è positivo e non ci sarà. Prima volta di Pessina e Calabria

Un'amichevole light e una doppia sfida decisiva di Nations League per chiudere un anno tormentato, drammatico e per molti pure tragico. La Nazionale azzurra archivia il 2020 senza il proprio condottiero, visto che anche il ct Roberto Mancini ha pagato dazio al Covid e dovrà marcare visita quantomeno per l'amichevole di mercoledì prossimo contro l'Estonia a Firenze. Se potrà essere in panchina nelle altre due partite, contro Polonia a Reggio Emilia (15 novembre) e Bosnia a Sarajevo (18) solo i tamponi potranno dirlo. Dopo i due pareggi con la stessa Polonia e l'Olanda, gli azzurri sono al secondo posto del Girone A della Nations League e, in queste due partite, andranno a caccia del pass per la Final Four che, in caso di qualificazione, potrebbe disputarsi a Milano e Torino (ottobre 2021). Le prossime tre partite saranno decisive anche per il sorteggio delle qualificazioni europee ai Mondiali 2022 in Qatar, con le prime 10 nazionali del ranking Fifa di novembre teste di serie al sorteggio: l'Italia è attualmente al 12/o posto. Mancini ha convocato 41 calciatori: per la prima volta il centrocampista dell'Atalanta, Matteo Pessina, e il terzino del Milan, Davide Calabria. Tornano a vestire l'azzurro il centrocampista del Bologna, Roberto Soriano, il genoano Domenico Criscito e il giovane attaccante del Monaco, Pietro Pellegri. Il ct ha dovuto abbondare con le convocazioni, perché i calciatori di Fiorentina, Genoa, Inter, Lazio, Roma e Sassuolo sono in isolamento, per via della positività al Covid di alcuni elementi del gruppo squadra: risponderanno alla chiamata in azzurro nei tempi concordati con le autorità sanitarie. La Nazionale si radunerà domani, resterà a Coverciano fino al 14, poi il trasferimento a Reggio Emilia per il match contro la Polonia; il 17 è prevista, invece, la partenza per Sarajevo. Gli azzurri cercheranno di proseguire la serie positiva che dura da 19 partite: negli ultimi due anni sono arrivate 14 vittorie e cinque pareggi (ultima sconfitta a Lisbona, il 18 settembre 2018). Il bilancio complessivo della gestione Mancini è di 15 vittorie, sette pareggi e due sconfitte.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie