• Francia - Chiude aeroporto parigino Orly, scalo dei low cost per l'Italia

Francia - Chiude aeroporto parigino Orly, scalo dei low cost per l'Italia

Tutte le storie del mese di marzo

Redazione ANSA PARIGI

Oggi gli ultimi voli, una decina. Poi l'aeroporto di Orly, il secondo di Parigi, 20 minuti a sud della capitale, chiuderà. O meglio - come preferiscono dire i responsabili dello scalo - attiva la sua "modalità dormiente".  Per riaprire al più presto, a fine crisi del Coronavirus.
    Ormai centenario - fu costruito nel 1918 - l'aeroporto di Orly è di norma affollatissimo e negli ultimi anni è diventato lo scalo principale per chi arriva e parte per l'Italia con le principali compagnie low cost, Vueling e EasyJet. La crisi del Covid-19 ha messo in ginocchio il traffico aereo. Oggi, per il suo ultimo giorno prima della sospensione, a Orly invece dei 600 voli in arrivo e partenza e i 90.000 passeggeri di una giornata qualsiasi, ci sono 10 movimenti di aerei e un migliaio di persone. Chiuse tutte le rivendite e le boutique non essenziali.
    Alle 23:59, l'aeroporto chiuderà e le 4 compagnie su 100 ancora operative con qualche volo trasferiranno quel che resta a Charles de Gaulle, lo scalo principale, a nord di Parigi. Anche l'aeroporto numero 1, a Roissy, è alle prese con la crisi, e invece dei 200.000 passeggeri quotidiani se ne vedono circa 10.000 al giorno.
    Un anno fa, quando l'aeroporto di Orly ha inaugurato i suoi terminal completamente rinnovati e ampliati con 80.000 metri quadrati di servizi commerciali, i dirigenti hanno dichiarato l'ambizione di raddoppiare il traffico (32 milioni di passeggeri nel 2019) in 20 anni. Adesso, rimarranno soltanto i voli di stato, quelli di trasporto materiale sanitario o di emergenza.
    Per questo, rimarrà attiva la torre di controllo.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Modifica consenso Cookie