ANSAcom
  • Regioni transfrontaliere costruiscono cooperazione d'impresa
ANSAcom

Regioni transfrontaliere costruiscono cooperazione d'impresa

Con piattaforme digitali. Ruolo chiave delle Camere di Commercio

Imperia ANSAcom

Rafforzare la collaborazione tra regioni transfrontaliere, ma soprattutto puntare a piani strategici di cooperazione di impesa per quanto riguarda l’economia circolare, l'innovazione e la ricerca favorendo interoperabilità e buone pratiche di scambio. Sono i punti centrali del progetto europeo Circuito, di cui Regione Liguria è capofila (Regione Piemonte, Valle d’Aosta e Regione Paca in Francia, con Metropole Nice Cote d’Azur, Unige, UNITO, CCI Savoie sono gli altri partner di progetto) i cui risultati sono stati presentati alla Camera di Commercio di Imperia. Un progetto che ha messo al centro l’innovazione tra regioni di confine. Il tutto con lo stesso fil rouge: fare impresa, fare sistema puntando alla digitalizzazione e all’economia sempre più circolare. Il Progetto Circuito, che fa parte del programma europeo di cooperazione transfrontaliera tra Italia e Francia, è partito nell’ottobre del 2018 e si è concluso a maggio 2022. Quattro anni durante i quali i partner hanno lavorato per trovare delle strategie condivise tra Regioni e strutture di supporto alla ricerca e all’imprenditoria. “In piena aderenza al Trattato del Quirinale, nell’ambito della cooperazione transfrontaliera Italia-Francia Alcotra – commenta l’assessore allo Sviluppo economico di Regione Liguria, Andrea Benveduti - abbiamo realizzato, unitamente al sistema camerale, il progetto Circuito, al fine di favorire la crescita digitale e sostenibile delle nostre imprese, in un’ottica di rete”. E proprio nell’ottica di fare rete e di rafforzare la conoscenza dei cosiddetti spazi di lavoro creativo e di sviluppare sedi fisiche e virtuali di incontro tra domanda e offerta sono state messe a sistema due piattaforme digitali. Quella ligure “Open Innovation Liguria” e quella francese, “Actif”. Le imprese possono così parlarsi, scambiarsi dati e informazioni, condividere esigenze e proposte vedere le opportunità offerte dai bandi per accedere a fondi europei. Il tutto con un unico account per andare verso la transizione ecologica soprattutto. L’interoperabilità tra piattaforme digitali permette così di incrementare il confronto e stimolare la co-progettazione. “Con questo progetto abbiamo rafforzato i legami tra Camere di Commercio e Regioni dell’area di frontiera – commenta il presidente della Camera di Commercio di Genova, Luigi Attanasio - puntando a sviluppare nuovi servizi per aiutare le nostre imprese a crescere e a sostenerle nei loro processi di innovazione ed armonizzando le attività in tema di digitalizzazione e transizione verde ed è la prova della collaborazione con l’amministrazione regionale’’. Progetto Circuito ha permesso di lavorare anche sugli spazi di lavoro creativi, come aggregatori di idee, sull’economia circolare nell’area di frontiera ma anche di pensare alle prossime sfide. Ovvero le opportunità date dalla programmazione dei fondi del programma Interreg Alcotra, 2021-2077. E il presidente della Camera di commercio Riviere di Liguria, Enrico Lupi sottolinea come “il progetto Circuito ha messo le basi per consolidare nella nuova programmazione dei Fondi Interreg 2021-2027 le sperimentazioni con esso avviate. Si punta a strutturare l’offerta di servizi congiunti transfrontalieri che permettano alle imprese di collaborare, sia fisicamente che virtualmente, attraverso le piattaforme digitali”. Soddisfatto l'assessore regionale ligure allo Sviluppo, Andrea Benveduti. "Sono state molteplici le opportunità di coinvolgimento delle imprese e del mondo della ricerca nell’area transfrontaliera con l’obiettivo di ridurre le distanze tra ricerca e impresa e favorire il trasferimento tecnologico", ha detto l'assessore regionale allo Sviluppo Andrea Benveduti . "Mi concentro - ha aggiunto - su tre risultati: gli 800 partecipanti ai webinar realizzati dal sistema Camerale delle regioni transfrontaliere dedicati ai finanziamenti europei e all’accompagnamento delle imprese verso la sostenibilità economica ambientale e sociale; i 180 imprenditori coinvolti durante l’edizione 2021 di Greendaus pollutec, evento dedicato all’economia circolare che si tiene a Lione; l'interoperabilità tra la piattaforma francese Actif e Open innovation Liguria.I 500 profili inseriti sulla piattaforma sono un eccezionale esempio di ricaduta sul territorio ma anche di integrazione e di coerenza nell’utilizzo degli strumenti finanziari messi a disposizione dalla Unione europea".

In collaborazione con:
Wtc Genova

Archiviato in


        Modifica consenso Cookie