ANSAcom

ANSAcom

Fisco: Tributaristi, per l’Irpef serve più equità

Bene IRAP su micro imprese e lavoratori autonomi, ma non basta

MILANO ANSAcom

Un primo passo verso l’equità fiscale, ma non abbastanza. E' questo in sintesi il giudizio dei tributaristi italiani sulla bozza della legge Delega di Riforma Fiscale che sottolineano come gli interventi su Irpef e Irap siano in linea con le necessità dei contribuenti, ma evidenziano come si debba fare di più, sia in termini di riduzione, sia di equità.

Guardando alla riforma dell’Irpef, infatti, l’Istituto Nazionale Tributaristi, oggi riunito ad Assago per il convegno su Legge Delega di Riforma Fiscale, Legge di Bilancio, Decreto fiscale Prevenzione e gestione della Crisi d’impresa, sottolinea come abbia un impatto positivo sicuramente l’intervento sui redditi medi, ma che serva maggiore equità. Questo lasciando a 75 mila euro la soglia di applicazione dell'aliquota al 43% e recuperando risorse da redditi superiori a 200 mila euro applicando un'aliquota del 45% come avviene in altri Stati europei.

Di contro, invece, il primo step di cancellazione dell'IRAP su micro imprese e lavoratori autonomi sarebbe in linea con quanto auspicato dai tributaristi, che però sottolineano come sia necessario in tempi rapidi un intervento per le società. “Un’imposta che ha come base imponibile il costo del lavoro e il costo degli oneri finanziari non è mai piaciuta alle imprese e ai liberi professionisti. È evidente che c’è un problema di copertura finanziaria e forse la riduzione della pressione fiscale meritava un investimento finanziario maggiore rispetto agli 8 miliardi dedicati, appunto, a questi interventi.” le parole del presidente INT Riccardo Alemanno.

In collaborazione con:
INT Istituto Nazionale Tributaristi

Archiviato in


Modifica consenso Cookie